Due poliziotti seguono un caso di morti viventi

Si tratta di un film che ricordo dall’infanzia, quindi mi scuso se la trama è un po’ confusa:
si tratta di un film di serie b, dove due poliziotti si ritrovano a seguire un indagine che li porta a fronteggiare dei morti viventi, che vengono riportati in vita tramite un qualche procedimento scientifico (una pozione iniettata o qualcosa di simile), con la peculiarità  di poter rimanere in vita solo per un breve periodo, dopo il quale si vaporizzano.
Nella storia uno dei due poliziotti si concede l’immancabile storia d’amore che però non avrà  futuro, visto che alla fine i due (almeno, mi pare che succeda ad entrambi..) muoiono, e usano il procedimento per tornare in vita e completare la storia (che mi pare sfoci in un massacro totale dei cattivi).
Il film finisce con loro che cominciano a vaporizzarsi, mentre (probabilmente) lanciano un’ultima battutaccia che dovrebbe essere ad effetto.
Purtroppo non mi ricordo nessuno degli (perdonate l’abuso della parola) “attori”,e so di aver lanciato una bella sfida…aiuto!

Questa voce è stata pubblicata in americano, anni 80, anni 90, azione, demenziale, Film dimenticato, grottesco, horror, Serie B, splatter, tragicomico. Contrassegna il permalink.
RSS dei commenti a questa trama




  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    2 risposte a Due poliziotti seguono un caso di morti viventi

    1. avatar Pionchan scrive:

      Non ricordo che ci fosse vaporizzazione dei corpi, però la trama ricorda “Sbirri oltre la vita”, che tra l’altro è stato chiesto diverse volte. Prova a controllare, forse è questo.

      Il trailer del filmaccio “Sbirri oltre la vita”

    2. avatar Luigi scrive:

      Si, ne abbiamo già  parlato qui.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *