Rete 4: figlio creduto morto

Un po’ di tempo fa su rete 4 hanno dato un film dove l’ex marito rubava il figlio e ha fatto credere di essere morti in una tempesta. Guardando un filmino di amici di una vacanza la madre riconosce il figlio e va alla ricerca.

Pubblicato in Film dimenticato, thriller 5 commenti

Manichini che diventano umani – Risolto

La notte, quando i grandi magazzini sono chiusi, i manichini prendono vita. Il loro comportamento è umano, si muovono e parlano tra di loro, per tornare nella loro posizione il giorno dopo. Credo si trattasse della serie TV “hai confini della realtà”. Non sono sicuro, ma se fosse così, mi piacerebbe conoscere il titolo Grazie

Pubblicato in americano, anni 50, fantascienza, Film dimenticato, film tv, titolo scoperto 4 commenti

Film che finisce in un cinema

Di questo film ricordo solo che era molto particolare, un horror thriller nella cui trama era importante l’elemento tempo. L’unica scena che però ricordo con esattezza è il finale, il protagonista conclude una sorta di ‘viaggio’ proprio nella sala di un cinema (non arriva in un qualsiasi cinema in città, ma entrando in una casa nel bel mezzo del nulla, entra in un cinema)

Pubblicato in americano, anni 2000-attuale, anni 2010, Film dimenticato, horror, inglese, psicologico, surreale, thriller 5 commenti

primo film di santa clause

Questo è un film di natale, e praticamente è dove babbo natale vorrebbe una donna al suo fianco. Così incontra la professoressa del figlio, che non va bene a scuola, e i due cominciano a “conoscersi” e infine santa clause le chiede di diventare sua moglie… sapete dirmi che film di natale è??

Pubblicato in americano, anni 2000-attuale, Film dimenticato, natalizio 2 commenti

Storie sull’aereo

Salve, vi ricordate questo film che su aereo una donna racconta storie di sesso al marito di quando era giovane? Grazie a tutti.

Pubblicato in anni 90, erotico, Film dimenticato 2 commenti

Bambini telepatici

Buonasera, ho bisogno del vostro aiuto, si tratta di un film vecchio, purtroppo non posso darvi molti dettagli, molto vagamente ricordo che all’inizio c’erano due bambini che si parlavano telepaticamente ed erano in una scuola o orfanotrofio, poiché poco dopo ricordo che si trovavano in una casa lussuosa, ricordo bene una scena dove hanno lezione di equitazione e la bambina indica un cavallo che vuole cavalcare, ma l’insegnante, le dice che quel cavallo non si fa montare da nessuno allora lei, gli parla con la mente (al cavallo) e lui s’inchina così lei gli corre incontro e salta sulla groppa, facendolo in seguito trottare all’interno del recinto, i bambini sono fratello e sorella credo e alla fine del film vanno su una collina per volare via con la loro astronave che li stava aspettando. … purtroppo so che è poco non ho la certezza di che anno sia ne del resto ,ma se a qualcuno venisse in mente di che film si tratta, ne sarei felice 🙂

Pubblicato in americano, anni 60, anni 70, anni 80, avventura, Disney, fantascienza, Film dimenticato, inglese 2 commenti

Motociclisti killer satanici

Ricordo vagamente solo la scena iniziale del film: due motociclisti (chopperisti) notano un campeggio hippie lungo un fiume, nascondono le moto lungo la strada e si incamminano verso il gruppo… fanno amicizia con i ragazzi, fumano qualche spinello, bevono, passano la giornata assieme. Durante la notte, mentre tutti dormono, i due fanno un massacro senza superstiti per poi ripartire con le loro motociclette. Il film sarà anni 80 credo e ambientato nel 60/70

Pubblicato in anni 80, Film dimenticato, grottesco 1 commento

case galleggianti nella nebbia

Ricordo solo che nel film si vedevano delle specie di barconi che emergevano dalla nebbia e venivano a riva. Film sicuramente italiano, direi primi anni ’80

Pubblicato in anni 80, fiabesco, Film dimenticato, italiano, onirico, poetico 1 commento

Horror/thriller mamma uccisa e le “rubano” il feto

Film non recente, ricordo poco della trama. Due scene mi sono rimaste impresse. Tre ragazzine (mi sembra asiatiche) tornano a casa e trovano la madre morta, appesa, torturata e sventrata. Dalle indagini emerge che era incinta e che il feto è stato portato via dall’assassino. Il detective incaricato del caso passa del tempo con la figlia maggiore, ad un certo punto però la figlia inizia una risata maligna e tira fuori il feto tra l’incredulità del detective. L’altra scena che molto vagamente ricordo è quella in cui l’artefice di tutto sta per essere catturato ma per finire la sua opera sta per “sacrificare” un suo amico. Ricordo la scena perché l’amico è immobilizzato in una sedia e gli sono state tagliate le palpebre (o sono tenute aperte forzatemente) per obbligarlo a guardare. Un po’ confusionario lo so, l’ho visto una decina di anni fa ed ero ancora piccolo. Grazie

Pubblicato in americano, anni 2000-attuale, Film dimenticato, horror, thriller Lascia un commento

Il Mistero dei Templari

Ve lo ricordate il film Il Mistero dei Templari con Nicolas Cage? Sto cercando film o serie tv sul genere, potreste aiutarmi? Grazie in anticipo.

Pubblicato in a puntate, avventura, azione, Film dimenticato, mistero 7 commenti

Omino stile mordillo

Corto d’animazione anni 80 con un omino stile mordillo che ulula alla luna e sulla luna c’è una donnina che ride e lui cerca di raggiungerla… in altre puntate l omino stile mordillo è preistorico e c’è un dinosauro che con il movimento fa cadere il titolo del cartone fatto di pietra.

Pubblicato in anni 70, anni 80, cortometraggio, Film dimenticato 14 commenti

tenta di uccidere moglie con gas

Giallo fine anni 70. Il marito tenta di uccidere la moglie col gas. Quando il marito però ritorna a casa non trova la moglie morta; questa anzi lo ricatterà. … … possibile che sia con Nino Castelnuovo con un personaggio-moglie che chiama Scarabocchio (o sono due gialli diversi? ) aiutatemi grazie su entrambi. Grazie. Gianni

Pubblicato in Film dimenticato, giallo 1 commento

Farfalle nella foresta

Salve, mi rivolgo a voi competenti per trovarmi questo film che cerco da tanti anni, ormai non ci credo più. Film visto negli anni 70 di queste farfalle o fatine che volavano nella foresta, il particolare che mi è rimasto impresso nella mente che i loro arti del corpo erano fatti di linee sottilissime.
Grazie anticipate, fatemi questo regalo per natale.

Pubblicato in anni 60, fantasy, Film dimenticato 1 commento

Città popolata solamente da adolescenti

I ragazzi che abitano la città si liberano dei genitori e di tutti gli aduti; creano una nuova società con nuove regole e imitano i comportamenti e gli impieghi dei grandi.

Pubblicato in anni 2000-attuale, anni 2010, Film dimenticato 3 commenti

L’urlo – Risolto

Il film sembra ambientato in uno dei paesi Scandinavi e parla di un uomo, il cui urlo possiede una forza d’urto spaventosa, rendendo sordi o ipnotizzando chiunque gli capiti a tiro, sulla quarantina, alto, robusto, bruno, capigliatura folta, affascinante, con barba che viene ospitato per qualche giorno da una coppia di coniugi, anch’essi sulla quarantina, che vivono in un piccolo centro agricolo, nei pressi di una grande città. La trama si snoda sul tema delle crisi matrimoniali che si scatenano dopo qualche anno, ma sotto l’ottica del mondo scandinavo, le cui tematiche sono ben diverse da quelle proposte dai cineasti, registi, produttori ecc. Delle società mediterranee (Francia – Italia – Spagna – Grecia, ecc.) nel periodo compreso fra l’immediato dopoguerra e gli anni 70 – 80. Infatti, nella fattispecie, la moglie, bionda, avvenente, piuttosto in carne, quasi giunonica, dal carattere piuttosto volitivo, si contrappone alla figura del marito magro, alto, mingherlino, dai tratti delicati, timido, docile, accomodante, quasi un intellettuale, che ad un certo punto subisce, quasi sottomettendosi, l’improvvisa alterigia della moglie, la quale manifesta inaspettatamente questi tratti mascolini del suo temperamento, all’arrivo dell’ospite, ossia lei si trasforma da moglie-chioccia, quale era (della serie crocerossina “io donna ti salverò e proteggerò sempre”) a moglie despota, consapevole degli effetti devastanti del suo forte carattere. Un motivo c’è: all’iniziale indifferenza, quasi insofferenza mostrata da lei nei confronti dell’ospite (tant’è che riferisce al marito le proprie intenzioni di volerlo mandar via di casa), si alterna il successivo e predominante, quasi forsennato desiderio di lei nel volersi trattenere da sola esclusivamente con l’ospite, senza la presenza fastidiosa del marito. E per far questo, si inventa una scusa: chiede al marito di scender giù in paese a fare delle compere, mentre lui che era appena uscito dalla doccia, aveva intravisto l’arrivo della moglie in bicicletta, appena rientrata a casa, e ne aveva intuito la bugia sottostante, ossia che quello era un pretesto per rimaner da sola con l’ospite che nel frattempo si intratteneva nella sua camera. Infatti, al suo tentennamento, la moglie reagisce bruscamente e quasi lo caccia di casa, intimandogli di far presto ad uscire. Il marito, succube, evidentemente affranto, subisce questa paradossale situazione e si dirige verso il vicino paese in bicicletta. Ed è a questo punto, che lo spettatore può ammirare in tutta la sua carica erotica, sebbene non vi siano assolutamente scene di tipo scabroso, l’essenza del film, cioè si vede la trasformazione di colei, che fino a quel punto era apparsa come la classica vicina di casa, irreprensibile e devota madre di famiglia, diventare come la più focosa e libidinosa delle amanti, perché, appena il marito varca l’uscio della porta per andarsene, lei si dirige verso la camera dell’ospite e, in un abbraccio lascivo, lo sovrasta col proprio corpo, mentre è in ginocchio sul letto, iniziando a mimare l’andirivieni del bacino, preambolo dell’imminente rapporto sessuale. Quì, se ricordo bene, la scena si interrompe e si sposta sul marito, il quale, giunto in città, nel corso di alcune indagini condotte con circospezione presso un nosocomio, scopre che l’ospite era stato ricoverato lì da poco, e che il potere dirompente ed ipnotico derivante dal suo urlo, derivava dalla natura magmatica di alcune rocce o pietre di origine vulcanica, delle quali bastava spaccarne una in almeno due pezzi, ed il pericoloso sortilegio dell’urlo ipnotico, causa di sordità altrui, si sarebbe immediatamente ed irreversibilmente interrotto. Nel prosieguo del film, si vede il marito che si dirige verso il vulcano dalle cui rocce proveniva questo potere, e che spacca in due una di queste pietre. Simultaneamente la scena si sposta sull’ospite e si assiste alla fine dei suoi poteri che coincidono irrimediabilmente con la sua morte. La donna, che non sospetta minimamente di quanto il marito abbia fatto, alla notizia del decesso dell’ormai amante si reca nella camera mortuaria dove il suo corpo giace esanime, per poterlo vedere un ‘ultima volta. E se ricordo bene, con questi ultimi fotogrammi, il film termina… vi ringrazio dell’attenzione dedicata… attendo con ansia che qualcuno mi sveli il titolo esatto, per poterlo rivedere… Grazie mille…

Pubblicato in anni 70, anni 80, bianco e nero, drammatico, erotico, Film dimenticato, film tv, finlandese, islandese, neorealista, psicologico, sentimentale, sociologico, svedese, titolo scoperto 3 commenti