Nazisti si interessano ad una ricetta e un ebreo si mette in salvo

Film di Silvano:

Ho un flash su una cosa che ho visto da bambino in TV. Fino a ieri ero sicuro fosse Enrico 61 di Rascel, ma l’ho appena visto e la scena non c’è. Allora: dei nazisti entrano in una casa dove è nascosto un ebreo. Il padrone di casa sta preparando da mangiare e i nazisti chiedono la ricetta— lui gliela dà  (a questo punto c’è il tormentone: il padrone dice “tutto tritato… tutto tritato…” e i nazisti ripetono le stesse parole. Da un rumore i nazisti si accorgono che nell’altra stanza c’è qualcuno, ma il padrone di casa continua la ricetta (tutto tritato… tutto tritato…) i nazisti ripetono queste parole e l’ebreo si mette in salvo

Grazie

Silvano

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in anni 60, bianco e nero, commedia rosa, Film dimenticato, italiano e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    Una risposta a Nazisti si interessano ad una ricetta e un ebreo si mette in salvo

    1. avatar Simoncini scrive:

      Anche io cerco questa, che da come ricordo io era una scenetta che coinvolgeva anche Walter Chiari (mi pare che fosse lui che descriveva schifato agli italiani affamati la ricetta del ragù o forse dell’amatriciana con il tormentone “tuttotritato”). Mi pare anche che i romani si salvassero dai nazisti perché, dietro una tenda tenevano la fotografia di Hitler. E Rascel, scoperto, diceva qualcosa tipo “no, non volevo farlo sapere quanto voglio bene ad Adolfuccio mio”… Poi la scenetta si conclude con i nazisti che vanno via senza far male a nessuno e Rascel, rivolto alla foto di Hitler, dice “Adolfuccio… Tiè!” e fa il gesto dell’ombrello…
      Dovrebbe venire da un varietà  del sabato sera dei tardi anni ’60 o primissimi anni ’70. Io sono nato nel 1959 e ricordo bene la scenetta, per cui non dovevo essere molto piccolo…

    Lascia un commento