Donna esce di prigione e cerca il figlio – Risolto

Film di Silvia:

C’è una donna mi sembra bionda, che cerca suo figlio. Forse è stata in prigione per qualche anno quindi adesso cerca il figlio che ha credo 10 anni. Uscita di prigione le dicono che non deve fare nulla di male sennò torna subito in carcere. Invece lei per cercare suo figlio commette un reato, e da quel momento è ricercata e non deve farsi prendere. Un agente la prende, fa per riportarla in carcere, la ammanetta alla macchina ma lei aziona la macchina e la fa cadere in acqua appena il polizioto si è allonmtanato. Anche il poliziotto si butta in acqua per salvarla, e lei nuota finche non si fa più vedere. Comincia a cercare il figlio, e l’uomo che glielo aveva portato via, credo il suo ex marito, tiene una conferenza. Lei ci va e lo minaccia dicendo che non avrebbe detto niente se lui le ridava il bambino. Le da appuntamento in un posto vicino al cimitero, ma arrivata al cimitero c’è un bambino che scappa e si rivela non essere il figlio, mentre lei viene chiusa in una bara, con la fodera rossa. Riesce a uscire, e trova il poliziotto che si decide a aiutarla e a crederla innocente. Poi non mi ricordo, ma alla fine lo trova.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in americano, azione, Film dimenticato, titolo scoperto e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    2 risposte a Donna esce di prigione e cerca il figlio – Risolto

    1. avatar giusy_mary scrive:

      il titolo di questo film è “colpevole d innocenza”

      trama:Libby Parsons e il marito Nick sono partiti per un romantico fine settimana sul lago ma la mattina, al risveglio, qualcosa va storto: c’è sangue dappertutto e Libby si ritrova accusata dell’omicidio del marito scomparso. Condannata e rinchiusa in prigione, chiede all’amica Angie di tenere il figlio Matty di cinque anni. Angie accetta e, poco dopo, sparisce con il bambino. Dal carcere Libby la rintraccia per telefono e scopre che vive insieme a Nick e al figlio. L’uomo non è morto, ha cambiato identità  e Stato. Libby ora vuole vendicarsi di lui, tra l’altro contando sul fatto che, secondo la Costituzione, nessuno può essere processato due volte per lo stesso reato. Dopo sei anni, la donna ottiene la semilibertà, affidata, insieme ad altre, alla sorveglianza di Travis, ufficiale duro e disilluso dalla vita. Al momento opportuno, Libby scappa, e Travis la insegue. Quando, dopo molti equivoci, capisce la bontà  delle sue motivazioni, l’ufficiale si impegna per aiutarla. Rintracciato il marito a New Orleans, Libby rischia dapprima di cadere nella trappola da lui preparata, poi lo raggiunge nel suo ufficio, gli dice che ora sarà  lui ad essere accusato dell’omicidio di lei. Nick reagisce, spara a Travis ma Libby a sua volta preme il grilletto e fa fuori il marito. Tutto ora è chiarito. Travis accompagna Libby alla St. Alban School, dove Nick aveva iscritto il figlioletto. Libby chiede a Matty se la riconosce. Il momento più difficile è superato.

    2. avatar Mimi scrive:

      concordo: “colpevole di innocenza”

      ps:il marito inscena un finto omicidio in accordo con (l’amante-e-migliore-amica-della-moglie) Angie per incastrare la moglie

    Lascia un commento