Bambino povero ad una festa di benestanti umiliato

Ricordo questa scenda che non mi ha fatto dormire per molte notti: Il figlio di una famiglia povera viene invitato ad una festa di compleanno di un amichetto benestante. La madre fa grossi sacrifici per preparargli una torta da portare a questa festa. Prima di andare raccomanda al figlio di non accettare subito dolci ma rifiutare almeno due volte. Alla festa vengono portati i dolci di tutti i bambini uno alla volta. Dopo il primo rifiuto del bambino i camerieri non si preoccupano di richiederglielo e lui rimane a digiuno aspettando almeno la sua torta. Torta che non arriverà mai perché la madre del bambino ricco l’ha data alla servitù e l’hanno mangiata loro con gusto.

Questa voce è stata pubblicata in anni 80, anni 90, drammatico, Film dimenticato. Contrassegna il permalink.
RSS dei commenti a questa trama




  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    2 risposte a Bambino povero ad una festa di benestanti umiliato

    1. avatar Castàlia scrive:

      Si tratta di un film bellissimo: “Mayrig-Quella Strada chiamata Paradiso” film, in parte autobiografico, del 1992 (per Wikipedia) diretto da Henri Verneuil. In imdb risulta 1991.

      http://it.wikipedia.org/wiki/Mayrig

      La scena che dici è nella II parte.

      Il film è la storia del riscatto di una famiglia; infatti narra la storia di una famiglia armena, che si rifugia a Marsiglia per sfuggire al genocidio; gli armeni per le loro note vicende storiche vengono assimilati agli ebrei. E’ andato in onda in Italia su Rai Due nel 2004 con un titolo unico “Mayrig — Quella strada chiamata paradiso”, diviso in due parti.

      I parte

      Scena II parte


      II parte

      Castàlia bye

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *