Uomini tra musica e dubbi – Risolto

Buona sera a tutti. Non penso di avere molte speranze. E’ un film datato, quindi in bianco e nero rigorosamente. Il televisore non c’entra. Anni 50/60, al massimo primi anni 70, non so definire il genere. Ho ricordi confusi e frammentari relativi ad un gruppo di uomini in abito elegante per la circostanza che, puntualmente ad una determinata ora, si riuniscono in un appartamento facendo intendere chissà che cosa, invece provano un pezzo musicale. Uno di questi signori una sera ritarda e gli altri cominciano a dubitare/sospettare per un qualcosa. Ero troppo piccola quando l’ho visto e non ricordo altro. Forse nel cast era Cary Grant… per cui avrei avrei qualche idea, ma vorrei un suggerimento, equivalente per me ad una conferma di ciò che ho in mente. Confido in CilloXX, che ringrazio in anticipo. Ciao, Castàlia.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in americano, anni 50, anni 60, anni 70, Film dimenticato, titolo scoperto. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    124 risposte a Uomini tra musica e dubbi – Risolto

    1. avatar licia scrive:

      Forse lo so! la signora omicidi o simile. E’ possibile che siano finti musicisti che con le loro prove coprano i loro piani di furto,in casa di un’anziana signora? Fammi fare un paio di ricerche ,poi ti dico…

    2. avatar licia scrive:

      Questa è la trama de “La signora omicidi ” del 55 con alec guinnes e peter sellers
      Il professor Marcus vive in affitto presso l’anziana signora Louisa Wilberforce. Qui incontra per le prove musicali i suoi quattro amici con cui compone un quintetto d’archi. Questo è quanto crede la signora Louisa: in realtà i cinque sono malviventi intenti a pianificare una rapina alla stazione ferroviaria. Quando il piano sembra essere riuscito alla perfezione, Louisa scopre accidentalmente la verità: i banditi dovranno quindi tentare di eliminare l’anziana padrona di casa.
      Ti può tornare?

      • avatar Castàlia scrive:

        Ti ringrazio per l’impegno, ma non è questo. Il film indicato è a colori. Quello che cerco è in bianco e nero, perchè è in bianco e nero. Inoltre gli attori erano più distinti ed eleganti, formali. Tra l’altro ricordavo che sul film proposto, gentilmente da te,
        c’è stato un risolto… quindi lo avrei trovato.

        https://www.memocinema.com/?p=40728

        Aspettiamo… Ciao, Castàlia.

    3. avatar francesca scrive:

      Legittima difesa (1947)
      Quai des Orfèvres (original title)

    4. avatar Castàlia scrive:

      Mi dispiace; capisco che tu vuoi essere di aiuto ma io non cerco un film degli anni ’30 nè tanto meno mi occorre la filmografia di Cary Grant, alla quale, dopo aver risolto tantissime richieste altrui nell’arco di quasi 9 anni, sarei arrivata benissimo da sola. Non ti pare? Ricordo quella sola scena del film, il cui titolo può essere fornito soltanto da chi ha visto il film e ricorda nitidamente quella scena. Diversamente non se ne viene a capo. Comunque, grazie. Castàlia bye

    5. avatar Castàlia scrive:

      Per la serie… “Non si può mai dire, ma ci credo poco”…sollevo la richiesta. Castàlia bye

    6. avatar Castàlia scrive:

      Verso le 21. Poi ti spiego… Ti conviene cenare. A dopo. Castì bye

      • avatar Castàlia scrive:

        Una amica che è stata prima a Cracovia e poi nelle isole Okinawa è venuta a trovarmi con i pensierini che ha avuto per me. Se ne è andata poco fa. Castì bye

        • avatar Oliver scrive:

          Cracovia e Okinawa, che strano abbinamento geografico smile

          • avatar Castàlia scrive:

            L’ ho pensato pure io. E ti dirò: non c ‘è parte del mondo che non ha visto, è abituata a viaggiare sin da piccola, tanto che ha trascorso il periodo pasquale all’estero con le amiche, lasciando marito e figli; anzi il il figlio maggiore se ne è andato per i fatti suoi con la fidanzata, l’altro minorenne l’ ha spedito in Sicilia dai nonni che non stanno bene, e il ragazzino mi telefonava ogni poco chiedendomi cosa e come doveva fare con i nonni. Un giorno mi ha fatto parlare pure con loro per tranquillizzarli. Il marito da solo a lavorare. Mah! Sono nata nell’era sbagliata. Castì bye

            • avatar Oliver scrive:

              Eh sono tante che fanno così, sono ragazze anche in gamba, ma condizionate dalle mode ecc.
              Ai miei tempi si diceva “sei in” o “sei out”, c’e’ chi vuol essere “in” a tutti i costi e così non si rende conto di quanto la sua vita sia condizionata…
              Se fossi il marito allora potrebbe succedere come in “Quando la moglie è in vacanza” laugh

    7. avatar Oliver scrive:

      Ah un altro richiamo a Giuliano! che nel film dove diceva “ridendo e scherzando si sono fatte le 7” diceva pure, altro tormentone del film, “Poi ti spiego” smile
      Ma qui si parla di un caso irrisolto, non potrebbe trattarsi di un vecchio telefilm?
      L’eleganza dei personaggi mi ricorda questa serie:

      https://it.wikipedia.org/wiki/Gli_inafferrabili

      • avatar Castàlia scrive:

        Bravo Oliver bravo ! Non sappiamo l’episodio, ma non importa, mi sono ricordata di David Niven. L’eleganza dei personaggi è quella. RISOLTO. yes Grazie. Castì smile

        • avatar Oliver scrive:

          Ma dai… dici davvero? Ricordo che era una serie molto piacevole, a me piaceva molto anche Gig Young smile
          David Niven era un filone, quello sì che ci sapeva fare laugh

          Oliver

          • avatar Castàlia scrive:

            No, non scherzo. David Niven mi è sempre piaciuto: elegante e raffinato. E poi è amico tuo, capitano di lungo sorso. yes smile Castì

            • avatar Oliver scrive:

              Eh sì un grande attore e quanti film indimenticabili smile
              Ricordo che una volta vidi un suo libro, uno di quei vecchi Oscar Mondadori anni ’70, che venivano venduti perfettamente sigillati, mi colpì il titolo:
              “La luna è un pallone”, non credo che sia più in stampa

              • avatar Castàlia scrive:

                Mai sentito. C’ è stata la telefonata che sai. Castì bye

                • avatar Oliver scrive:

                  La tua amica viaggiatrice mi fa ripensare a “Il viaggiatore indeciso”, ovvero la storia di un uomo che non partiva mai…
                  ma io mi ripeto e finisco con l’annoiarti, per farmi perdonare inserisco qualcosa che non c’entra niente, ma è pur sempre un viaggio seppur musicale ed anche un viaggio nel tempo:

    8. avatar Castàlia scrive:

      Un pò di musica ci voleva. Poi proporrò io. Per il momento…

      In https://www.memocinema.com/?p=100616&cpage=1#comment-110620

      Hai segnalato:

      “Notte senza fine (Pursued)”, 1947. Non l’ho mai visto. Ho letto la trama e descrive una situazione che poi non è tanto lontana da certe realtà. Un film che mi angosciò molto per la scena del delirio è “Giorni perduti (The Lost Weekend)”, 1945

      https://www.memocinema.com/?p=54925 segnalato da anonimo che sono io… anche dopo. Lo conosci?

      Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Penso di non averlo mai visto anche perché la scena del pipistrello descritta mi sarebbe rimasta impressa…
        In “Notte senza fine” la sequenza degli stivali mi generava davvero una sensazione angosciosa, ah a proposito sai che Mitchum se la cavava anche come cantante, anzi direi che era pure bravo!
        In questa sequenza memorabile canta un inno che anch’io canticchio qualche volta:

    9. avatar Castàlia scrive:

      Chi è bravo come attore, ho notato che sa anche cantare, ballare… E così anche tu sai cantare! E ora per concludere la serata, musica e ballo

      Sarà necessaria la tua consulenza su un film. Ne parleremo domani. Buon lavoro. Buona notte.
      Castì bye

    10. avatar Oliver scrive:

      Questo tango è veramente forte, mi vien quasi voglia di ballare smile
      ma no Castì non so cantare, canticchio solo così come strimpello della serie canta che ti passa…
      Buona notte e grazie per la tua gentilezza hi

      Oliver

    11. avatar Castàlia scrive:

      Da due giorni a casa mia si respira aria giapponese. Un’altra amica è tornata da Osaka con dei pensierini per me. Non avevo letto il tuo commento precedente sull’amica viaggiatrice. Recupero:

      In famiglia sono tutti in gamba, il ragazzino poi mi è molto affezionato, per lui sono la zia che non ha. Tu hai scritto:
      Se fossi il marito allora potrebbe succedere come in “Quando la moglie è in vacanza”
      Come è andata a finire nel film?

      Hai scritto anche

      “sei in” o “sei out”

      Sarà anche “voler essere in”. Mah! Comunque, per educazione, per formazione, per sensibilità personale io sono “out, out… out all’ennesima potenza” da certe mode.

      A conclusione… ripeto

      Se fossi il marito allora potrebbe succedere

      Se tu fossi il marito… non la lasceresti andare, se ho intuito bene i tuoi stati d’animo. E poi una donna intelligente non avanza proprio certe pretese!!! negative Castì bye

    12. avatar Oliver scrive:

      Come è andata a finire nel film?

      E’ un film divertente, il marito in città dopo una serie di vicende un po’ buffe non combina nulla, salvo capire che certe avventurette non fanno per lui laugh

      Se tu fossi il marito… non la lasceresti andare, se ho intuito bene i tuoi stati d’animo

      Le lascerei libertà di scelta, confidando nella scelta giusta…

      In e Out è qualcosa che ripetevano spesso alcune mie cugine più grandi sul finire degli anni ’60. A volte per farle divertire facevo l’imitazione di Monsieur Opale laugh ma ecco che come al solito mi lascio andare a divagazioni poco interessanti

    13. avatar Castàlia scrive:

      confidando nella scelta giusta… che per te sarebbe non andare. Giusto? Castì bye

    14. avatar Castàlia scrive:

      Santippe era veramente impossibile. Comunque è richiesto il tuo qualificato parere.

      L’ho recuperato ieri :

      https://www.memocinema.com/?p=31971

      Che pensi, Ammiraglio Gildoni, della mia segnalazione? Castì bye

    15. avatar Castàlia scrive:

      Ieri era tardi e non ho voluto replicare. Sicuramente hai letto di fretta. Rileggi il mio ultimo commento in

      https://www.memocinema.com/?p=31971&cpage=1#comment-110676

      e ti accorgerai che

      Allora mi perdoni… tanto meglio non ci azzecca

      Precisazione per onestà mentale. Castì bye

    16. avatar Oliver scrive:

      Grazie della risposta, non si tratta di un trucco da illusionisti, ma è qualcosa di diverso, ora ti scriverò le 2 cose a cui ho immediatamente pensato, per qualche associazione d’idee che non saprei spiegare, quando ho letto il numero:

      1) i ghiacci e la Groenlandia
      2) le piramidi

      C’e’ qualche connessione tra Castì e i due punti sopra al momento?

      Oliver

    17. avatar Oliver scrive:

      Sai è un giochetto che facevo tanti anni fa, qualche volta ci prendevo pure…
      chissà perché mi son venute in mente le piramidi, boh?
      Però una piccola coincidenza c’e’, quel numero è presente sulla targa della mia auto dove tra l’altro ci sono pure le mie iniziali e non solo…. ma queste sono solo piccole coincidenze smile

      Il grande Houdinoliver

      • avatar Castàlia scrive:

        Scrivendo 9… allora ho azzeccato io. rofl Comunque, hai scritto sopra

        forse a fine mese riuscirò a partire… Andrai da solo?

        Vuoi sapere che penso? Tu non andrai da nessuna parte.

        Il sabato per te è lavorativo? Per me sì. Castì bye

        • avatar Oliver scrive:

          Sì, andrò da solo.

          Tu non andrai da nessuna parte

          Perché sono un viaggiatore indeciso? Vedremo smile
          Si per me è lavorativo, non pensavo lo fosse anche per te

          Oliver

    18. avatar Castàlia scrive:

      Tra l’altro ci sono pure le mie iniziali e non solo

      cosa sarebbe e non solo per completare le coincidenze?

      Castì bye

    19. avatar Oliver scrive:

      No, mai sentito nominare…. vedo che tratta della guerra in Corea, come mai mi segnali un film di guerra?

      Oliver

    20. avatar Castàlia scrive:

      Oliver! Il film che abbiamo scovato ieri “Sotto 10 bandiere”, di cui abbiamo parlato in https://www.memocinema.com/?p=31971&cpage=1#comment-110676

      mi ha fatto associare a questo per il numero inferiore delle bandiere. Tutto qui. Hai cenato? Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Già è vero! Comunque mi sembra che in campo cinematografico la guerra di Corea sia stata trattata veramente poco se si eccettua qualche vecchio film americano.
        Cenato? No, è Sabato e me la prendo comoda smile

        Oliver

        • avatar Castàlia scrive:

          Eh, sì! E’ così. Se vuoi saperlo… sabato o non sabato, ritengo sbagliato tirarla troppo tardi. Se è possibile, secondo me, bisognerebbe mangiare più o meno agli stessi orari. Ogni tanto si può trasgredire. Ma sono pensieri miei. Non so se è corretto agire in un modo o in un altro. Comunque, riprenderemo domani certi discorsi. Vai a cenare…altrimenti si fa poi troppo tardi. A domani, serena domenica. Buona notte. Castì bye

    21. avatar Oliver scrive:

      Eh sì, idem con patate, anche qui sta continuando a piovere!
      Sai che ieri sera c’e’ stata un’altra piccola coincidenza? Hai citato un film di guerra
      ed esattamente la notte tra l’11 ed il 12 Maggio di 37 anni fa lasciai la città di Livio per il servizio militare, come vedi non sono sempre stato un viaggiatore indecisosmile

      Oliver

    22. avatar Castàlia scrive:

      idem con patate anche da noi si usa. Allora l’ Italia è proprio uguale da Nord a Sud! Oliver, sei superstizioso? Scommetto che hai fatto il servizio militare al Sud. Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Idem con patate lo ripeteva spesso una Professoressa di Matematica, e da allora ogni tanto lo uso pure io, ma qui l’ho sentito raramente. Tuttavia quell’insegnante era di queste parti.
        Superstizioso, bé qui ci sarebbe un discorso lungo da fare… diciamo che lo sono solo in parte, ma in un modo del tutto personale.
        No, andai a Trieste

        Oliver

    23. avatar Castàlia scrive:

      No, andai a Trieste Strano! Di solito i ragazzi del Nord venivano al Sud e viceversa. Beh! Sulla superstizione c’è tanto da dire, non è vero ma ci credo. Da noi c’ è chi (anche persone di cultura, non solo il popolino) crede molto a quelli che in dialetto si chiamano in un certo modo, che poi non sono altro che varie manifestazioni dell’invidia, per cui si ricorre molto a scongiuri e gesti apotropaici. Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Diciamo allora che sono superstizioni radicate che hanno a che fare con la tradizione… giusto?
        Ad ogni modo non credo che tu sia superstiziosa smile
        Su Trieste nulla di strano, lì andai per il CAR. Il periodo più bello fu proprio durante l’addestramento, si correva dalla mattina alla sera, si marciava sempre e poi c’era l’addestramento alla ar.mi. Correre non mi piaceva molto, ma a marciare mi divertivo un sacco…. passooo passooo cadenza!! C’erano altri romagnoli, dei toscani e nella mia compagnia molti friulani e triestini. Una compagnia era formata esclusivamente da piemontesi. ma io ti sto annoiando Commodoro Castì, scusami…

        Oliver

    24. avatar Castàlia scrive:

      Guarda un pò, l’ho visto anni fa e mi è piaciuto tantissimo rofl

      “Non è vero… ma ci credo”, 1952

      https://www.comingsoon.it/film/non-e-vero-ma-ci-credo/24930/scheda/
      1959 per me errato in

      Castì bye

    25. avatar Oliver scrive:

      eh sì veramente divertente! Ma vedo che questa è una versione per la Tv di cui mai avevo sentito parlare, bellissimo! Ehi adesso però è riapparso il Tango dei Muchachos… che c’entri la superstizione laugh

      Houdinoliver

    26. avatar Castàlia scrive:

      Ehi adesso però è riapparso il Tango dei Muchachos cioè? Mi sono persa.

      Ad ogni modo non credo che tu sia superstiziosa io so che c’è il bene e il male, so che certe cose sono frutto dell’invidia e so che l’invidia è uno dei 7 vizi capitali. Il malocchio e il resto ci sono, ci sono. Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Al posto del video di Peppino era apparso il video del tango dei Muchachos, ma ora è tutto a posto. Sì ricordavo il film del 1952, ma non avevo mai sentito di questa produzione televisiva che ha tutto il fascino dei programmi Tv dell’epoca, bellissimo!
        Il grande Houdini se non ricordo male scrisse qualcosa riguardo la superstizione “The cancer of superstition”, egli ebbe una disputa anche con Conan Doyle convinto spiritista. James Randi altro famoso illusionista americano smascherò un sacco di presunti maghi, guaritori ecc. rivelando i loro trucchi. Su questa linea si mosse anni fa lo stesso Piero Angela con un programma televisivo. Credo che questa sia la strada giusta. Ci sono eventi che non riusciamo ancora a spiegare, forse un giorno ci riusciremo e senza dover ricorrere alle credenze popolari ed alle superstizioni.

        Houdinoliver

        • avatar Castàlia scrive:

          Il discorso è molto complesso. Ai ciarlatani non credo nemmeno io, ma alle cose serie sì. E le cose serie ci sono, ci sono. Come ci sono le persone invidiose e te lo fanno pure capire. Comunque, continueremo, continuermo. Domani è lavorativo e ci aspetta una settimana tosta, almeno a me. Tu vai a cenare, altrimenti fai troppo tardi e non va bene. A domani, buona notte. Castì bye

          • avatar Oliver scrive:

            Se vorrai continueremo il discorso ed io ti racconterò un altro episodio per me inesplicabile, oppure continueremo
            sul grande Peppino e i suoi film smile
            Anche per me settimana non facile e pure piovosa, sta diluviando ancora e pioggia è prevista per domani e dopo domani …. che stress,domani andrò al lavoro in canoa smile

            Buona notte hi

            Oliver Emelius

    27. avatar Castàlia scrive:

      Decidi tu. Raccontami l’episodio inesplicabile se ti va. Come è stata la giornata? Molto dispiaciuta per quanto è successo a Cesena, veramente dispiaciuta. cry Sono stata come a casa mia. Anche qui il clima continua a non essere buono. Per me si tratta di g..r.. climatiche. L’agricoltura è danneggiata. Non capisco come e perchè è spuntato quel tango. Io ho visualizzato subito il film Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Te lo racconto anche se forse mi prenderai in giro smile Ma cos’e’ successo a Cesena? Ho sentito parlare di qualche esondazione, ma non so altro, spero non ci siano state vittime…
        G..r.. climatiche? No, penso che siano fenomeni naturali, disastri ce ne sono sempre stati…
        L’episodio che ti racconterò ha a che fare con la piadina romagnola e anche col cinema, quindi rimarremo in tema

        Oliver

        • avatar Castàlia scrive:

          E’ esondato il Savio, 7 o 8 persone sono state soccorse. Rimango della mia idea. Ci saranno poche ciliegie e poche pesche, saremo costretti ad importare…Dai, racconta. Castì bye

    28. avatar Oliver scrive:

      Ho visto adesso delle sequenze, davvero un bel danno per l’agricoltura…
      Ed è prevista pioggia anche domani, speriamo non vi siano ulteriori disastri
      Dunque facciamo un salto nel passato, nel 2005…. tra la fine di Novembre e gli inizi di Dicembre… un Sabato sera…
      Come sai il Sabato mi piace tirare a far tardi e prendermela comoda e magari quando capita vedere un bel film. Quel Sabato era già molto tardi, verso l’una circa ed io stavo seguendo su Rai3 un film credo quasi mai trasmesso in Tv:
      “La fine del mondo” di Abel Gance (se ricordo bene il nome del regista).
      Il film era in edizione originale e con i sottotitoli in italiano. Quando nel film l’evento apocalittico sta per abbattersi sulla terra molti dei personaggi continuano a ripetere “La fin du mond!” “la fin du mond!”…
      Ad un certo punto poco dopo l’una mi venne voglia di fare uno spuntino e presi una di quelle confezioni che contengono 3 o 4 piadine romagnole, con l’intento di scaldarne una al forno… Erano piadine piuttosto grandi così quando una fu pronta e la tolsi dal forno pensai che vista l’ora sarebbe stato meglio mangiarne solo mezza… la spezzai regolarmente con le mani, ne misi una metà in un piatto e cominciai a mangiare…. in quel momento buttando l’occhio sul piatto trasalii…. sulla metà lì posizionata era impresso un nome formato da alcune bruciature (hai presente quelle parti più scure tipiche della piadina romagnola?)
      alcune lettere erano quasi perfettamente riprodotte dalle bruciature, un paio un po’ più irregolari ma l’effetto mi lasciò senza parole… sulla piadina vi era scritto il mio nome…

    29. avatar Oliver scrive:

      Sì per esteso…. ricordo che poco prima avevo provato una sensazione strana che non saprei descrivere, forse dovuta all’ora avanzata ed a un film piuttosto singolare…

      Oliver

    30. avatar Oliver scrive:

      ps
      qualche tempo dopo cominciai a pensare che potesse esserci qualche connessione tra il film e la piadina, ma fu un’idea bizzarra…

    31. avatar Castàlia scrive:

      Ti riferisci a “La fine del mondo (La Fin du monde)”, 1931, francese. Sì, c’entra una cometa. E’ il primo film sonoro di Gance.

      https://it.wikipedia.org/wiki/La_fine_del_mondo_(film_1931)

      Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Sì esatto! E lo vidi solo una volta nell’occasione sopra descritta.
        La prossima volta che apparirà una scritta spero siano i numeri del su…e.a….o laugh

        Oliveraz

        • avatar Castàlia scrive:

          Io mi accontento dei soldi guadagnati con il mio lavoro. Non corro il rischio di vincere… non gioco. Parleremo anche dei soldi e delle persone che conosco e che ne hanno moltissimi. Di nuovo, buona notte. Castì bye

          • avatar Oliver scrive:

            Oggi scrivo ad un orario insolito e per due motivi,
            primo: non avevo visto il tuo ultimo commento e vorrei solo aggiungere che chi non gioca ha già vinto in partenza, tuttavia una giocatina minima ogni tanto la faccio… un euro per sognare un po’…
            secondo: stanno lavorando sulla linea qui nella mia via e prevedo possibili interruzioni, l’anno scorso per motivi analoghi non ebbi la linea internet per circa un mese e dopo una vera e propria odissea fatta di telefonate e reclami, dopo che continuavano a dirmi che si trattava solo di un problema del mio modem (che nel frattempo avevo già provveduto a sostituire) finalmente ricevetti una chiamata da un tecnico che mi disse che il problema era il loro…. così vanno le cose oggidì!
            Ad ogni modo il Capitano ti invia un saluto sperando stavolta di non aver problemi…. vedremo smile

            • avatar Castàlia scrive:

              Grazie per le info. Ero nei pressi. Ad ogni modo rimaniamo su questa pagina. A questa sera se possibile… per te. Castì bye

              • avatar Castàlia scrive:

                L’edizione straordinaria c’è stata. Vediamo che succede. Castì bye

                • avatar Oliver scrive:

                  Capitan Oliver è appena rientrato in porto, al momento tutto ok con la linea smile
                  Ho letto con piacere un tuo intervento dove citi “Invaders from Mars” ed il suo remake. La descrizione del film mi ha fatto pensare anche a “Nel tempio degli uomini talpa” dove però gli alieni non centrano, ma un popolo che vive sottoterra sì….

                  Capitan O.G.

    32. avatar Oliver scrive:

      Ok, ma sempre e solo se ne avrai tempo e voglia… altrimenti Oliveraz finirà con l’annoiarti smile

      Buona Notte hi
      Oliver Emelius

    33. avatar Castàlia scrive:

      Ok, ma sempre e solo se ne avrai tempo e voglia… altrimenti Oliveraz finirà con l’annoiarti

      Mi viene il dubbio che forse ho scritto qualcosa che ha generato queste deduzioni. Certi pensieri non mi attraversano proprio i circuiti cerebrali. Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        No, Oliveraz tende a citare più o meno sempre le stesse cose, mentre gli orizzonti a cui sono rivolte le farfalle bianche sono infiniti…. tutto qui smile

        Oliver

        • avatar Castàlia scrive:

          Sei abile a girare le frittate. Anche questa è un’ arte laugh

          E’ la prima volta che il film “Nel tempio degli uomini talpa (The Mole People)”, 1956, viene citato nel sito.

          https://it.wikipedia.org/wiki/Nel_tempio_degli_uomini_talpa


          Castì bye

          • avatar Oliver scrive:

            Una frittata di cipolle è quel che mi ci vorrebbe proprio ora!! Ho solo scritto quel che penso… ehi in due secondi hai beccato il film in versione originale!
            Aggiungo che i film di fantascienza anni ’50 sono forti e taluni dei capolavori, “Ultimatum alla terra” del ’51 “Il Pianeta proibito”, il film che hai citato. Quand’ero un ragazzino tra i miei favoriti c’erano “La cosa da un altro mondo” 1951 (se non ricordo male) e “La meteora infernale” 1957. Tutte pellicole che nessuna tv trasmette più almeno credo. E poi le versioni cinematografiche tratte da Verne (un po’ troppo liberamente tratte, ma comunque belle). In questo periodo sono affetto da Vernite acuta.

            Oliver

    34. avatar Oliver scrive:

      Una frittata di cipolle è quel che mi ci vorrebbe proprio ora!! Ho solo scritto quel che penso… ehi in due secondi hai beccato il film in versione originale!
      Aggiungo che i film di fantascienza anni ’50 sono forti e taluni dei capolavori, “Ultimatum alla terra” del ’51 “Il Pianeta proibito”, il film che hai citato. Quand’ero un ragazzino tra i miei favoriti c’erano “La cosa da un altro mondo” 1951 (se non ricordo male) e “La meteora infernale” 1957. Tutte pellicole che nessuna tv trasmette più almeno credo. E poi le versioni cinematografiche tratte da Verne (un po’ troppo liberamente tratte, ma comunque belle). In questo periodo sono affetto da Vernite acuta.

      Oliver

      • avatar Castàlia scrive:

        Di tutto quello che hai scritto… preferisco la frittata di cipolle. Sono film passati per il sito. Come mai hai scritto due commenti? Ah, hai firmato prima

        Capitan O.G. ovverosia

        Castì bye

        • avatar Oliver scrive:

          Davvero, non ti interessano quei film? Ultimatum alla terra nella versione originale merita sicuramente smile
          Ho inserito due commenti involontariamente, mi sembrava di non essere riuscito a postarlo e così ho riprovato.
          G. sta per il cognome del Capitano, mi sembra di avertene già parlato

          Oliver

          • avatar Castàlia scrive:

            Se non ricordo male, è Gildoni. Ma non era un Ammiraglio? Hai mai assaggiato la frittata con i fiori di zucca? Te la consiglio è molto delicata. Non hai la possibilità di anticipare la cena ad orari più consoni? Oliver, forse dovremmo trasferirci; vediamo… Tutti i film del passato meritano, secondo me. A proposito delle persone che hanno molti soldi e che conosco… assicuro che non vorrei essere al loro posto. I soldi li hanno e anche moltissimi, ma credimi non capiscono nulla e non apprezzano nulla. Hanno solo il denaro in testa e non sono in grado di sostenere una conversazione, neppure minima; pensano che con i soldi possano risolvere tutto, ma non è così. Condivido una frase del Dalai Lama. Giocare un euro per sognare … forse gratifica di più. Castì bye

            • avatar Oliver scrive:

              I fiori di zucca fritti ricordo di averli assaggiati, sarà un secolo fa… la frittata no
              Ne conosco alcuni anch’io, anche in grado di sostenere una conversazione, ma comunque ossessionati dal denaro e dai privilegi e che purtroppo tirano a fregarti senza alcuno scrupolo anche se lo fanno legalmente, l’importante per loro è andarsene in giro con capi strafirmati e auto dalle dimensioni esagerate, sempre più grandi e sempre più improbabili. Mi vengono in mente due vecchie canzoni sui soldi che erano piuttosto divertenti…
              Dimmi la frase del Dalai Lama, se vuoi….

              Oliver Gildons

    35. avatar Castàlia scrive:

      Te la dico volentieri. Condivido le parole del Dalai Lama:

      Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell’Occidente è che perdono la salute per fare i soldi e poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere né il presente, né il futuro. Vivono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto.

      La vernite acuta… non l’avevo mai sentita. La tua fantasia è sconfinata. rofl

      Castì bye

    36. avatar Oliver scrive:

      Eh… il Dalai Lama la sa lunga…
      Aggiungo solo una piccola osservazione, forse e soprattutto in questi ultimi anni molte persone, anche persone comuni, sono preoccupate per il futuro perché vedono che non hanno garanzie e tutela nel presente…. tra banche, assicurazioni, ecc. e tutte le fregature legalizzate che ci propinano…
      Sì esatto Vernite acuta e non accenna a passarmi smile

      Oliver

      • avatar Castàlia scrive:

        La Vernite acuta non ha esito infausto rofl La puoi tenere. yes
        Riprenderemo il discorso dei soldi abbinato alle canzoni. E’ vero che tirano a fregarti, ma io mi diverto di più a non farceli riuscire. In più dei loro capi strafirmati non me ne importa nulla, perché sono di pessimo gusto… i soggetti e di conseguenza i capi indossati… ma veramente. Ma quali preoccupazioni per il futuro, se poi i soldi li sciupano! Al futuro non pensano proprio, almeno quelli che conosco io. Fanno i goliardici e credono di sapere vivere. Continueremo domani. Penso che non avrai problemi sulla linea. Vai a cenare… A domani, buona notte. Castì bye

    37. avatar Oliver scrive:

      Al futuro non pensano proprio

      Mi riferivo a tante persone comuni che non hanno un comodo presente… né speranze per il futuro….
      Sì, se vorrai prossimamente ricorderemo un musicista italiano che era veramente in gamba, con una delle sue canzoni smile

      Buona notte hi
      Oliver

    38. avatar Castàlia scrive:

      Mi riferivo a tante persone comuni che non hanno un comodo presente… né speranze per il futuro….

      Le persone di cui sopra meritano considerazione e rispetto. Siamo in milioni a doverci confrontare con le scomodità quotidiane; eppure se il mondo ancora regge è merito della moltitudine che si alza tutte le mattine e dignitosamente va a lavorare, macinando pure Km. per raggiungere il posto di lavoro, dimostrando senso di responsabilità e attaccamento al dovere. Persone che danno dei punti a tutti quelli che, vergognosamente, pur essendo in posizione più comoda e non certo per meriti propri ma perché altri di famiglia ci hanno pensato, passano il tempo a sciupare, ti invitano a prendere il caffè o a mangiare la pizza, ma poi sei tu che devi pagare… la loro sensibilità rozza e truffaldina li porta a ritenersi più intelligenti e li autorizza a mettere le mani nelle tasche degli altri, che il denaro lo guadagnano lavorando e non perché cala a pioggia dal cielo. Queste persone, e ne conosco, dalle mie parti si chiamano scrocconi, sono per niente dignitose e meritano totale disprezzo. Per esempio a me hanno dato sempre fastidio quelle vicine, che pur non avendo problemi economici, vengono a bussare per chiederti il prezzemolo, l’aglio, lo zucchero o il detersivo per la lavatrice. Può anche capitare che ci si dimentica di comprare quello che serve, ma quando diventa un sistema perché vuoi fare la furba prospetto due soluzioni: o la vicina va a comprare quello che le serve, perché non è una povera; oppure non usa prezzemolo, aglio, zucchero e detersivo. Con me questi soggetti non trovano spazio perché non sono indigenti, e neppure tetraplegici che non si possono muovere, ma furbi e vagabondi che non hanno morale ed etica e poco si curano degli altri. Quanto alle speranze per il futuro… nemmeno i ricchi ne hanno: la Natura ha condannato tutti ab origine, anche loro… io manderei il giovin signore di turno o la pulzella spocchiosa a lavorare nella tana del topo (rat-hole) in India: zitti e mosca. Allora sì…che capirebbero “come sa di sale lo pane altrui”! Castì bye

    39. avatar Oliver scrive:

      Per esempio a me hanno dato sempre fastidio quelle vicine, che pur non avendo problemi economici, vengono a bussare per chiederti il prezzemolo

      Eh ne so qualcosa… a me capitò di peggio e non a causa di vicine, ma non è questa la sede adatta per parlarne…

      L’ex marinaio

      • avatar Castàlia scrive:

        Mi hai incuriosito. Raccontami. Poi passiamo alle canzoni legate ai soldi. Ne so qualcuna. Castì bye

        • avatar Oliver scrive:

          E’ qualcosa che mi ha dato parecchio fastidio, sarebbe troppo lunga da raccontare. Dirò solo che mi capitò in un momento particolare in cui ero riuscito a rimettermi in sesto, ero solo un po’ stanco ed era il primo giorno di una settimana di ferie di Luglio… il tutto cominciò con un bombardamento telefonico a casa e persino in ufficio… questi soggetti agivano con fredda determinazione e per futili motivi, pur essendo dei nababbi. Presto scoprii gli altarini, ma ne venni a capo solo dopo alcuni anni…. ed io grazie a loro non ero più in sesto.
          Ma a proposito di soldi ecco una vecchia canzone ed un viaggio nel passato… eh sì in un certo senso…… smile

    40. avatar Castàlia scrive:

      Mi dispiace, ho capito. Bisogna stare attenti e non fidarsi. Un signore di Cesena, dopo avere parlato di tante cose, concluse con tre parole alle quali penso sempre in determinate situazioni. Non conoscevo questa canzone. La mia è nostrana, ma è sempre un viaggio a ritroso

      “Mille lire al mese”

      Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Era da tanto tempo che non la sentivo, l’ho riascoltata volentieri smile
        e che musica, altro che le baggianate di adesso!
        Ora mi hai incuriosito tu con le tre parole…

        Oliveraz

        • avatar Castàlia scrive:

          Certo, bisogna restituire. Sono tre parole e assicuro che funzionano. Ci sono affabulatori e hanno la meglio se chi ascolta è distratto o stanco. Io come carattere sto sempre con le antenne in funzione, ma con quelle tre parole ancora di più. Le marole magiche sono: Attenzione alle proposte.
          Come rimangono male se ricevono un rifiuto! A quel punto, capisci benissimo che non erano sinceri. Tutto qui. Poi ti dico un’altra canzone. Castì bye

          • avatar Oliver scrive:

            Eh sì…. passando ad altro sai che ci sono stati allagamenti anche a Forlì? A Villafranca una frazione a circa 10 km dalla città.
            Vai con la canzone e poi ricambierò con un altra per ricordare un cantautore di cui si parla troppo poco

            Oliver

            • avatar Castàlia scrive:

              Sì, ho sentito. Mi dispiace, amo la mia Italia e soprattutto la Romagna. Me la cantava la mia nonna materna

              “Mamma Mia Dammi Cento”

              Castì bye

              • avatar Oliver scrive:

                Vecchie canzoni ma sempre belle, una volta in tv era possibile sentirle… ricordo una versione cantata dal Quartetto Cetra..
                E così siamo passati dalle mille lire alle cento lire… con cento lire compravo una mozzarella, con 50 lira una pomodoro,le pizze al taglio smile
                Questa canzone non c’entra con i soldi, ma con i ricordi sì ed io vorrei ricordare uno che se ne è andato troppo presto e di cui si parla troppo poco:

                • avatar Castàlia scrive:

                  E’ poesia in musica. Bellissima! Un mondo che non esiste più. E’ vero, si parla poco del cantante e con questa canzone mi sono venute in mente tante altre cose. Riprendiamo domani. Buona giornata. Speriamo che il clima migliori. Qua pioggia e freddo. Buona notte. Castì bye

                  • avatar Oliver scrive:

                    Anche qua si attendono ulteriori piogge e calo di temperatura sad
                    Sono contento che ti sia piaciuta la canzone… parleremo ancora di Stefano se vorrai…

                    Buona notte hi
                    Oliver

    41. avatar Castàlia scrive:

      Il mese di maggio più freddo del secolo. Così… hanno detto. Vediamo che succede in https://www.memocinema.com/?p=101637#respond dove mi sono trasferita.

      Castì bye

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *