Storia a lieto fine

Una ricca snob perde la memoria e un falegname vedovo con figli solo maschi, che aveva fatto in precedenza dei lavori per la signora che lo umiliata, finge di essere suo marito e la porta nella sua povera casa facendole fare tutti i lavori domestici e accudire i figli per vendicarsi.Poi però con il tempo i due si innamorano e quando la donna riacquista la memoria prima torna alle sue abitudini ma poi ritorna da lui e dai suoi figli per restare.

Questa voce è stata pubblicata in americano, anni 90, commedia, Film dimenticato. Contrassegna il permalink.
RSS dei commenti a questa trama




  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    5 risposte a Storia a lieto fine

    1. avatar Castàlia scrive:

      “Una coppia alla deriva (Overboard)”, 1987. E’ una riproposizione della commedia classica “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” di Lina Wertmuller, 1974. È stato oggetto di un secondo rifacimento nel 2002 ad opera del regista Guy Ritchie: “Travolti dal destino”.

      https://it.wikipedia.org/wiki/Una_coppia_alla_deriva

      Ciao, Castàlia

      • avatar Castàlia scrive:

        “Una coppia alla deriva (Overboard)”, 1987, è un lavoro confezionato per un pubblico non italiano, una riproposizione che sviluppa l’idea della regista Lina Wertmuller secondo schemi che sembrano adatti solo per compiacere certi spettatori e un mercato orientato a prodotti commerciali che non abbiano eccessive velleità artistiche. Una riproposizione, appunto, non un remake; d’altra parte non ha la minima ambizione (che da sola neanche basta) di volerlo essere: infatti si è molto distanti dalla dialettica che vedeva protagonisti Mariangela Melato e Giancarlo Giannini nel film originale. Giusto come pertinente e legittima appendice. Ciao, Castàlia.

        • avatar Castàlia scrive:

          Ad evitare fraintendimenti “Travolti dal destino”, 2002, del regista Guy Ritchie è il remake, purgato di alcuni riferimenti, di “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” di Lina Wertmuller, 1974. Meglio esplicitare: ancora una volta la regista italiana, con lontane origini svizzere, è stata fonte di ispirazione. Proprio così… chiaramente.

          Ciao, Castàlia.

          • avatar Sonia scrive:

            L’ispirazione è una cosa riproporre la stessa trama o lo stesso film è altro. Perché qui non si tratta solo di 2 film diversi per stile cinematografico , ma molto diversi anche nella trama: uno parla di 2 naufraghi su un’isola deserta, l’altro di una donna che dopo un incidente in mare finisce all’ospedale priva di memoria. L’unica cosa in comune è la differenza sociale dei 2 che prima si odiano e poi si amano. Ma è come dire che tutti i film con la ragazza popolare e il nerd che vanno al ballo scolastico sono la riproposizione della stessa storia! shock

    2. avatar Sonia scrive:

      è sicuramente Una coppia alla deriva 1987 , ma con il film della Wertmuller secondo me ,non c’entra nulla a parte lo yacht e la differenza sociale.
      invece è in produzione il remake del film nel 2018
      http://www.cineblog.it/post/740230/una-coppia-alla-deriva-anna-faris-e-eugenio-derbez-per-il-remake

      ciao sonia

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *