Neonati affidati a signora cattiva e cani rapiti

L’ho visto da piccola, doveva essere un film x ragazzi: nella prima scena un neonato dentro a una cesta di vimini viene abbandonato davanti alla porta di una coppia di anziani e cattivi. Appena il bambino impara a camminare lo trattano come uno schiavo e l’educazione è rigidissima e severa, anche quando la signora gli da un’educazione scolastica in casa. Tutta la scena è narrata da una voce maschile, la stessa voce del bambino che, una volta diventato adulto, fa le valigie e scappa da quel posto. In una scena successiva ritorna in quella casa con la sua nuova compagna a salutare la donna che l’ha cresciuto, anche se lei era arrabbiata x il fatto che se ne fosse andato di casa senza avvisare. Subito dopo la signora urla un nome e arriva da dietro un bambino (un altro abbandonato davanti alla sua porta). Il protagonista va da lui e iniziano a parlare su come venivano trattati da quella signora. In una scena successiva si vede una famiglia con un bambino che gioca col suo cane, il cane quando si allontana viene catturato da un accalappiacani vestito di nero e lo porta via. Successivamente si vede il bambino adottato dalla signora cattiva che si è iscritto a calcio (e l’allenatore è molto severo). Si ritorna poi alla scena del canile, dove il cucciolo rapito riesce a scappare da una buca nel terreno della sua gabbia. Poi, mentre il bambino torna a casa, lo incontra e si affeziona e pensa di tenerlo con sé. Sono arrivata a vederlo fino a qui, purtroppo non ricordo altro.

Questa voce è stata pubblicata in americano, anni 90, avventura, commedia, Film dimenticato. Contrassegna il permalink.
RSS dei commenti a questa trama




  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *