bianco e nero: giorni contati indagine su sostanza misteriosa

Film in bianco e nero americano potrebbe essere degli anni ’40. Un uomo, il cui nome è Bontague o qualcosa di assonante, scopre di avere pochi giorni di vita dopo aver ricevuto un’iniezione o qualcosa di simile e deve a tutti i costi consegnare o indagare su una valigetta che contiene un materiale sconosciuto. la moglie lo cerca ma lui non puo’ dire niente a nessuno ed è convinto di morire di lì a pochi giorni…

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in americano, anni 30, anni 40, anni 50, bianco e nero, Film dimenticato, giallo, mistero, psicologico. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    9 risposte a bianco e nero: giorni contati indagine su sostanza misteriosa

    1. avatar Castàlia scrive:

      Non tutto coincide, ma prova con “Un bacio e una pistola (Kiss Me Deadly)”, che però è del 1955 in b/n e c’è un contenuto particolare in una valigetta.

      http://www.imdb.com/title/tt0048261/

      https://it.wikipedia.org/wiki/Un_bacio_e_una_pistola

      Full movie

      Ciao, Castàlia.

    2. avatar rosaM58 scrive:

      D.O.A aka death on arrival.In italiano Due ore ancora.

    3. avatar chribio scrive:

      ; Lo immetto giusto fra poco su “Torrent” !

    4. avatar rosaM58 scrive:

      Angela, quindi concordate col titolo che ho suggerito anche non tutto coincide?

      • avatar Castàlia scrive:

        Ciao, sì non tutto coincide… ma il cognome del protagonista inizia per B… anche se non è assonante con quello che è riportato nel post. Mah! E’ jenny che dovrà dire come stanno le cose… noi ci siamo adoperati… Di più non si poteva ;-) Ciao, Angela.

    Lascia un commento