Un ragazzino nero accusato di aver ucciso una bambina bianca in una festa in piscina

Ricordo pochi dettagli ma sono quelli che mi tormentano fino ad oggi.
Il genere del film è a sfondo razziale.

Ad un ragazzino “nero” gli viene proibito di andare ad una festa in piscina di una famiglia “bianca” che aveva una figlia.
La festa si svolgeva in piscina.
Il ragazzo con dei suoi amici, guarda dietro ad una staccionata e la bambina gli fa un segno e lui entra.
Un altro ragazzino bianco per gioco, spinge la festeggiata e lei sbattendo muore in una piscina.
Dato che alla festa c’era queso ragazzino “nero” tutti compreso il colpevole, lo accusano del fatto.
Altra scena che ricordo :” «neri e bianchi» non potevano frequentare gli stessi marciapiedi, locali ed altro ….
Quasi alla fine del film, il ragazzino accusato dell’omicidio disse alla zia che lui, avrebbe cambiato qualcosa per le generazioni future o che avrebbe dato un imput e, che il suo sacrificio, sia il carcere o la sua morte ( credo che quest’ultima sia stata la sua fine ) sarebbe stato l’inizio del cambiamento.
Infine, tutta la comunità ” nera ” s’incammina lungo una strada sterrata,
con in mano candele accese cantando in coro un gospel per quel ragazzino mentre la gente di carnagione “bianca” guardava immobile lungo il ciglio della strada.

Il film faceva parte del ciclo ” tante storie ” di canale 5,andato in onda, mi sembra dopo i cartoni animati delle 16:00 andato in onda se non erro negli anni 90 ma non ricordo quando è stato girato.
Grazie
Viviane

Questa voce è stata pubblicata in americano, anni 70, anni 80, anni 90, biografico, commedia nera, drammatico, Film dimenticato, film tv, inglese, melodramma, personaggio, storico, sudafricano. Contrassegna il permalink.
RSS dei commenti a questa trama



  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *