Un uomo ascende al Paradiso accompagnato da un angelo (o spirito guida)

Appassionati e utenti di MemoCinema,

ho già inviato questa richiesta il 2 febbraio 2014 con un titolo quasi uguale e di nuovo il 3 aprile 2014 col titolo “Vecchie ricerche irrisolte: due film, una canzone e uno spot”.
Ripeto la richiesta per riunire tutti i particolari ed escludere film che mi sono stati suggeriti da volenterosi utenti, così da ottenere una richiesta più facile da leggere e magari da risolvere. Naturalmente, chi vuole può rispondere anche alle altre due richieste di cui sopra.

Anno in cui lo vidi: tra il 1969 e il 1972.

Apparente anno di produzione: tra il 1935 e il 1965. Dal contrasto delle immagini sembrava un film girato su pellicola in bianco e nero originale. La luce era molto chiara, diurna. La durata non doveva superare i 60 minuti.

Nazione di produzione: non ho idea.

Canale televisivo: RAI (c’era solo quella).

Orario pomeridiano o preserale, prima del Telegiornale delle 20:00.

La scena con tutti i dettagli che ricordo:

Un uomo di età compresa tra i trentacinque e i sessantacinque anni (non posso essere meno approssimativo) sta salendo per una scalinata ampia, di pietra bianca o molto chiara, accompagnato da quello che potrebbe essere un angelo o (meno probabilmente) uno spirito guida. Non ci sono altre figure oltre a loro due.

L’uomo era vestito con abiti attuali per l’epoca di realizzazione, mediamente eleganti, non di gala ma neanche trasandati; non era una divisa, né erano abiti da lavoro.

La scalinata era semplice, non ripida e senza parapetti ai lati, con i gradoni lunghi, larghi e piuttosto bassi.

La figura angelica era snella, esile, adolescenziale, efebica, scelta appositamente perché non se ne capisse chiaramente il sesso e comunque giovanissima. Mi ricordo che aveva i capelli corti, non certo la riccioluta o lunga chioma bionda dell’iconografia sugli angeli.
Indossava una tunica bianca (non mi ricordo la lunghezza) minimale, forse con le braccia scoperte, forse no.

Si capiva – soprattutto alla fine della scena – che quello era un luogo metafisico, il Paradiso o comunque l’aldilà.

La musica in sottofondo era in crescendo, dalle note via via più acute e suonata con strumenti classici soprattutto ad arco o a corda: violini, viole, violoncelli, arpe.

A un certo punto, la figura angelica scriveva (o incideva o tracciava) su un gradone della scala un nome e diceva all’uomo: “E’ il mio nome”. Nel mio vago ricordo erano caratteri dell’alfabeto greco antico o comunque non facilmente leggibili.

Mi pare che la scena si concludeva con l’ascesa totale fino alle nuvole o a una fonte di luce radiosa, quindi l’uomo doveva essere morto e l’angelo lo accompagnava in Paradiso, senza però rivelargli sùbito dove stavano andando. Questa era l’atmosfera delicata, intimista, filosofica, un po’ escatologica, confermata dal nitido ricordo di una frase di mia nonna (seduta accanto a me) che alla fine mi disse: “Hai capito? Quello era un angelo che lo portava in Paradiso”.

Esclusioni:

Non è “Scala al paradiso” (“A Matter of Life and Death”) del 1946

Non è “Heavenly Music” del 1943. Nella mia scena non c’era nessun altro oltre all’uomo e all’angelo e comunque l’atmosfera non era parodistica, con commissioni esaminatrici, uffici paradisiaci preposti, ecc.

Non è “Escape into Dreams” del 1955. Nella mia scena non c’era alcun campo da golf.

Non è “La vita è meravigliosa” (It’s a Wonderful Life”) del 1946. Nella mia scena l’uomo doveva essere già morto, non sul punto di suicidarsi.

Non sono “Il paradiso può attendere”, né “Date With an Angel”, troppo recenti.

Questo è quanto. Più che ricerche in siti di cinema, attendo sforzi da memorie elefantesche, soprattutto sugli -anta. Grazie.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in anni 30, anni 40, anni 50, anni 60, Film dimenticato, intimista, onirico, poetico, religioso. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    70 risposte a Un uomo ascende al Paradiso accompagnato da un angelo (o spirito guida)

    1. avatar Angelo S. scrive:

      Ho provato digitando varie parole chiave nella ricerca Google per immagini, selezionando anche la ricerca di immagini in bianco e nero, ma non ho trovato ciò che cerco.
      Con “angels in films” e “angels in movies” compaiono tante immagini da film e telefilm ma nessuna che si avvicini neanche lontanamente a quella che ricordo.
      Con “stairway to heaven in movies” compaiono centinaia di foto dei Led Zeppelin, grandiosi ma completamente estranei a questa ricerca.
      Lo scrivo già da qualche anno: ci vuole una memoria super (e piuttosto stagionata) che ricordi proprio la scena e il film. Ci conto ancora.

    2. avatar Angelo S. scrive:

      Continuo a cercare in Google Immagini, selezionando quelle in bianco e nero, con varie parole chiave, specialmente in inglese (“angel writing his name”, “angel writing on the stairway”, ecc.) ma ancora non ho trovato quella scena o quel fotogramma.
      Conto tuttora sul vostro aiuto, sempre evitando di rivangare titoli che ho già ripetutamente escluso. Grazie a chi vorrà provare.

    3. avatar nya74 scrive:

      Ci sono! Non demordo…

    4. avatar nya74 scrive:

      A tal proposito… ripensando al sogno di Giacobbe… e cercando qui e là, sono arrivata ad un film francese del 1934, “La leggenda di Liliom” https://it.wikipedia.org/wiki/La_leggenda_di_Liliom
      in cui il protagonista deve espiare i suoi peccati dopo la morte e viaggia tra paradiso, purgatorio ed inferno… l’attrice che interpreta la figlia è molto graziosa, molto innocente… dai uno sguardo, non si sa mai.
      Poi continuando la ricerca del “sogno di Giacobbe” sono giunta ad un altro film… Giacobbe chiamava “porta del paradiso” ciò che aveva sognato… per cui ho cercato in quella direzione e:
      https://it.wikipedia.org/wiki/La_porta_del_cielo
      film italiano con un’attrice che potrebbe somigliare a quella della foto che avevamo trovato inizialmente… controlla. Almeno sono due titoli nuovi…
      Ciao!

      • avatar Angelo S. scrive:

        Non sono questi. Ne La leggenda di Liliom c’è proprio una di quelle rappresentazioni del paradiso come un commissariato, cosa che esclusi sùbito, già dall’inizio. L’ambientazione del mio ricordo era piuttosto metafisica.
        Ne La porta del cielo la trama è completamente diversa, si tratta di un gruppo di pellegrini in treno; non c’è alcun angelo.
        Grazie comunque per i tentativi.

    5. avatar Angelo S. scrive:

      Più lo cerco e più mi convinco che doveva essere di produzione europea, per lo stile. Naturalmente potrei anche sbagliarmi, ma propenderei per un film francese o italiano.
      In tale direzione ho cercato nelle filmografie di Blasetti, Alain Resnais, René Clair… ma niente. sad
      Comunque, per le ricerche darei priorità alla filmografia europea dagli anni ’40 agli anni ’60 (che comunque rimane vastissima).

    6. avatar Angelo S. scrive:

      Un altro anno è passato ma la soluzione non è arrivata. Le indicazioni fornite e le esclusioni sono moltissime, basta avere la pazienza di leggerle tutte qui sopra.
      Nel frattempo ho provato a consultare le filmografie di Roberto Rossellini, Jean Cocteau, René Clément, senza risultato.
      Aspetto con fiducia.

    7. avatar chribio scrive:

      Mah,non so se Angelo S. si rifarà sentire … comunque un’idea mi è venuta in mente.
      Oggi,guardando giusto per caso la Puntata dello Sceneggiato del 1967 su “RaiPlay” dal titolo “Caravaggio” ( e non m’interessava ma era per pura curiosità …),mi sono imbattuto al 1° colpo in una scena che mi pare sull’onirico andante (ma non dico in quale punto …) comunque caso-mai prova a controllare qua.

      http://creativemedia3.rai.it/podcastcdn/teche_root/PLAYRAI_TECHE_CINEMA_SD_2/6683162_700.mp4

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *