Tu forse sei quello giusto ma io ho paura di rovinare tutto

La storia parla di una madre e di una figlia : hanno un carattere differente. La madre ha paura di tutto e non sa fare niente. Mentre la figlia è sicura di sé stessa, e sa cosa vuole ma avendo solamente 15 anni spesso si fa trasportare dai sentimenti. La figlia è fidanzata e istiga il ragazzo a fare l’amore ma il poveretto non ci riuscirà (si trovano nella casa della figlia) , ma lasceranno molte cose sparse sul divano come : un preservativo e una mutanda maschile che porteranno a far pensare la madre che abbiano concluso un rapporto intimo. La madre cerca un lavoro e conosce un uomo che si innamora di lei e fa di tutto pur di conquistarla. Il film termina con la madre e la figlia che decidono di andarsene e la madre lascia una lettera all’uomo che l’ha tanto aiutata con scritto: “tu forse sei quello giusto ma io ho paura di rovinare tutto ” e poi la mamma chiede alla figlia se lei quando ha trovato la mutanda e il preservativo aveva fatto qualcosa e la figlia risponde di no ma che lei, voleva.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in anni 90, Film dimenticato, italiano, romantico. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    3 risposte a Tu forse sei quello giusto ma io ho paura di rovinare tutto

    1. avatar sonia scrive:

      ma è un film italiano?
      potresti descrivere le 2 protagoniste fisicamente? o altri indizi….

    2. avatar celly scrive:

      Credo sia ” la mia adorabile nemica” del 1999 con natalie portman e susan sarandon

    3. avatar celly scrive:

      Credo ke il film è ( la mia adorabile nemica) del 1999 con natalie portman e susan sarandon

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *