Zio ricco

Uno zio straricco convoca i parenti per una importante comunicazione. I parenti si presentano in pompa magna ipotizzando che lo zio voglia parlare della suddivisione della sua ricchezza. In realtà la comunicazione è agghiacciante: lo zio non ha più una lira e cerca casa dai suoi parenti che glissano e si dileguano. Solo una giovane coppia si prende a cuore il dramma dello zio e lo accetta a casa loro non senza problemi logistici e di vita quotidiana che vede lo zio in preda a cattiva salute con conseguenza pesanti sulla vita di coppia dei due giovani.
La storia ha un lieto fine perchè lo zio, che in realtà si era finto fallito ed ammalato, a seguito della prova d’amore dei giovani nipoti, li lascia eredi universali del suo inestimabile patrimonio.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in Film dimenticato. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    4 risposte a Zio ricco

    1. avatar Castàlia scrive:

      Mi ricorda “Il capitalista (Has Anybody seen my Gal?)”, 1952, il primo film a colori del regista Douglas Sirk.

      http://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=4367

      Maggiori dettagli in http://en.wikipedia.org/wiki/Has_Anybody_Seen_My_Gal%3F_(film)

      Ciao, Castàlia.

    2. avatar maxx scrive:

      Io penso che sia “Caro zio Joe” (Greedy) film del 1994 con Michael J. Fox e Kirk Douglas.


      Il trailer (in inglese)

    3. avatar chribio scrive:

      Anche per mia moglie dovrebbe essere quello con Michael J. Fox !!! ;)

    4. avatar gian piero scrive:

      Grazie mille per il commento ma purtroppo non è il film di Douglas Sirk.
      Mi sembra di ricordare che fosse un fil Americano ambientato negli anni 60/70 circa.

      Grazie comunque

      GP

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *