Morti sospette in ospedale

Serie di omicidi in ospedale (ricorda ‘Coma profondo’). Nel titolo mi sembra ci sia la parola ‘bianco’.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in anni 2000-attuale, Film dimenticato, thriller. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    5 risposte a Morti sospette in ospedale

    1. avatar Sonia scrive:

      un film simile a coma profondo può essere
      Extreme Measures -- Soluzioni estreme (1996)
      http://it.wikipedia.org/wiki/Extreme_Measures_-_Soluzioni_estreme

      ciao sonia

    2. avatar Castàlia scrive:

      Come ricordo quella richiesta! Le povere vittime sono dei barboni

      http://www.memocinema.com/?p=19344

      Ciao, Castàlia.

    3. avatar Sonia scrive:

      il fatto che fossero dei barboni ad essere uccisi, si evince nella trama chiara ed esauriente di wikipedia di cui ho riportato il link nel primo commento.
      la richiesta di cui è stata riportato un link nel secondo commento,non si riferisce allo stesso richiedente “mirco ” di questa trama.
      inoltre qui i particolari sono pochi e i film possibili e simili possono essere + di uno.
      piuttosto che associare altre trame con lo stesso film da me proposto(che non è detto sia quello cercato) ,sarebbe meglio aggiungere altri film simili e possibili, che poi mirco andrà a valutare e controllare.

      ciao Sonia

    4. avatar Castàlia scrive:

      Ma non è stato scritto che i due post sono dello stesso richiedente! Piuttosto, dal commento “si deduce” che mi aveva colpito la precedente richiesta, altresì, dettagliata proprio perché erano barboni, già vittime di per sé. Proibito essere sensibili? Ciao, Castàlia.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *