Ragazzino in cerca della famiglia

Serie televisiva in sei (?) puntate trasmessa sulla Rai fine anni 70,di origine francese.
Il personaggio principale è un bambino di circa 12 anni.Và alla ricerca della sua famiglia,forse adottato o proveniente da un orfanatrofio,e in questa ricerca è aiutato da un adulto.Alla fine ritrova il padre ,credo in Marocco ,ricco, che però non lo vuole riconoscere e cosi il ragazzo continua la sua vita con l’adulto che lo ha aiutato nella ricerca del padre.Ambientato negli anni 70.Ho l’immagine di una delle ultime scene:il ragazzo dall’esterno del cancello di una villa si arrampica e vede un cortile alberato con una tavola riccamente apparecchiata.Riesce ad entrare a farsi riconoscere da suo padre che però lo fà cacciare fuori.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in a puntate, adolescenziale, anni 70, anni 80, drammatico, Film dimenticato, film tv, giapponese, psicologico. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    2 risposte a Ragazzino in cerca della famiglia

    1. avatar Castàlia scrive:

      Se è francese, mi viene in mente “Graine d’ortie-Seme d’ortica” (1973). E’ anche il titolo del romanzo autobiografico di Paul Wagner che ha ispirato la serie TV.

      http://fr.wikipedia.org/wiki/Graine_d'ortie

      La sigla era cantata da Sylvie Vartan

      Ciao, Castàlia.

    2. avatar Castàlia scrive:

      Aggiungo qualche altra info, letta qua e là: l’azione comincia in Francia, durante la seconda guerra mondiale. Il protagonista è molto attaccato ad un uomo anziano che lui chiama “papà Florentin”. C’è anche un adulto Bruno, un muratore italiano che lì lavorava. Con l’occupazione tedesca, Bruno come italiano diventa persona non gradita, e se ne va con il bambino, con il quale va in cerca della famiglia di questi, forse fino nell’Africa francese, probabilmente Algeria non Marocco. Il titolo della sigla di chiusura è “L’homme que tu seras”

      Aggiungo pure questo

      Ciao, Castàlia.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *