Corto francese con porte sensibili all’instabilità  sociale

Non ricordo il titolo di un cortometraggio francese visto sul canale studio universal tra il 2002 e il 2003. La voce narrante iniziava raccontando un aneddoto che la madre del protagonista, un giovane ragazzo, usava ripetere a suo figlio: egli era speciale perché appena nato una fata lo aveva toccato. Il giovane, impiegato in un’azienda di informatica, incontra una sola determinante difficoltà: vengono installate delle porte automatiche, sia al lavoro che nel proprio condominio, sensibili al potenziale grado di instabilità  sociale dentro ognuno. ll ragazzo, se le prime volte riesce ad eludere l’ostacolo aspettando l’arrivo di colleghi, non riuscirà  più a lavorare, rifiutato dai colleghi nè a rientrare in casa, poichè bollato come persona socialmente instabile. Morirà  assiderato dormendo su una panchina in una notte d’inverno. I colori della pellicola sono generalmente freddi, sul blu. Sono sicuro che fosse un corto francese, di più non vi so dire. Grazie in anticipo

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in cortometraggio, Film dimenticato, francese. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    2 risposte a Corto francese con porte sensibili all’instabilità  sociale

    1. avatar Castàlia scrive:

      Richiesta riesumata. Castàlia bye

    2. avatar Massimo scrive:

      Lo cerco anch’io, la descrizione corrisponde. Mi pare abbia anche vinto qualche rassegna (tipo Linea d’ombra, ma non ne sono sicuro). E sì, dovrebbe trattarsi di un corto francese.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *