Madre viene accusata di aver ucciso il filgio neonato – Risolto

ho visto questo film su rai2, circa 20 anni fa. Una coppia ha un figlio di pochi mesi. La madre, dopo la nascita del figlio è caduta in una forma di depressione post-parto, e dopo un pò da segni di squilibrio mentale. Un giorno il marito torna a casa dal lavoro e non trova il figlio nella culla. La madre sta dormendo e quando si sveglia non sa che fine ha fatto il figlio. la polizia pensa che la madre abbia ucciso il figlio. Lei si dichiara innocente. Il marito vuole fare rinchiudere la moglie in manicomio perché pensa che sia pazza e abbia ucciso suo figlio. Alla fine si scopre che il neonato è stato rapito dalla baby sitter che è l’amante del padre del neonato. Il padre del neonato con la baby sitter erano daccordo, volevano crescere insieme il figlio di lui e far rinchiudere la madre in manicomio! Alla fine la polizia scopre tutto e arresta i due amanti!

Questa voce è stata pubblicata in anni 90, Film dimenticato, giallo, titolo scoperto. Contrassegna il permalink.
RSS dei commenti a questa trama




  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    3 risposte a Madre viene accusata di aver ucciso il filgio neonato – Risolto

    1. avatar Castàlia scrive:

      Prova con “Mio figlio è vivo (I Know My Son Is Alive)”, 1994. Se non ricordo male, la baby sitter è interpretata da Neve Campbell che d’accordo con il marito ha fatto sparire il neonato. Purtroppo in rete ci sono scarsi riferimenti sul film, anche in inglese.

      http://www.filmtv.it/film/12204/mio-figlio--vivo/

      http://www.imdb.com/title/tt0108529/

      Ciao, Castàlia.

    2. avatar giulia scrive:

      si è “Mio figlio è vivo”grazie smile

    3. avatar Castàlia scrive:

      Molto bene. Ciao, Castàlia smile

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *