Cortometraggio animato anni 60 con i “missilini”

Trama: nella società terrestre un’entità cerca di prendere il controllo delle menti tramite l’uso di piccoli missili che individuano gli umani e si conficcano nelle loro teste (i missili entravano solo per metà, restando con le alette fuori); questo tentativo di controllo inizialmente riuscito, fallisce nel finale quando gli umani riescono a liberarsene. Il cortometraggio è un cartone animato in B/N.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in animazione, anni 60, bianco e nero, Film dimenticato, sociologico. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    5 risposte a Cortometraggio animato anni 60 con i “missilini”

    1. avatar Castàlia scrive:

      Mi viene in mente”Vip mio fratello Superuomo”, 1968, però è a colori. Forse l’ hai visto con un televisore in B/N.

      http://www.filmtv.it/film/7785/vip-mio-fratello-superuomo/

      Ciao, Castàlia.

      • avatar brigitta scrive:

        Anche io ho pensato a “VIP mio fratello superuomo”, che però oltre ad essere a colori non è un cortometraggio ma un film a “durata piena”. Probabilmente Alberto ne ha visto un estratto: quello in cui Happy Betty (la “cattiva” del film) illustra agli azionisti il suo piano per la conquista del mondo a mezzo missilini, e mi pare che quello spezzone sia effettivamente in bianco e nero.

    2. avatar Castàlia scrive:

      Giusto come curiosità: Un cortometraggio è un film la cui durata normalmente non raggiunge i 30 minuti complessivi (al festival di Clermont-Ferrand, il più importante per i cortometraggi, la durata massima ammessa è di 40 minuti). Però, secondo la normativa italiana, un cortometraggio può durare fino a 75 minuti e qui viene il bello: “Vip mio fratello Superuomo”, dura 79 minuti. E’ il caso di dire “Per un punto, Martin perse la cappa”, nel caso specifico per 4 minuti. smile Ma forse per i non addetti ai lavori anche 79 minuti possono sembrare un cortometraggio. Come mi divertono queste curiosità!!! :lol: Ciao, Castàlia.

      • avatar brigitta scrive:

        Fantastico, non sapevo di questi limiti definiti “a norma di legge” laugh

        Ceto che dire “un cortometraggio di 75 minuti” mi pare un po’ come dire “un nano di 2 metri” o “una bionda dai capelli castani”… ma suppongo che ci sia qualche misterioso motivo alla base di questo numero sancito dalla legislazione. Magari qualche “parente di” aveva fatto un film di esattamente 74 minuti grazie al quale sperava di attingere a dei finanziamenti riservati ai cortometraggi… chissà ;)

        • avatar Castàlia scrive:

          Tutto può essere, ormai non mi meraviglio più di nulla e per certe malizie, per certe sfumature non c’è mai fine; la “perfezione” non è solo in alto, ma anche in basso. Certi modi di pensare e, soprattutto di agire, ormai sono pane quotidiano! Ciao, Angela I.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *