Bambino si strozza con la cordicella di un giocattolo – Risolto

Film di p. maria pia:

Una felice famiglia di 4 persone, una sera il bambino nel lettino con il suo trenino rimane strozzato dalla cordicella di questo giocattolo, chiamando instancabilmente la mamma fino a morire, la mamma sentiva che il piccolo chiamava ma il marito gli impediva di andare dicendo lascialo stare e che si sarebbe stancato e addormentato, perché doveva fare sesso con la moglie. In seguito la mamma e la sorellina vedono lo spirito del bambino. Egli chiama la mamma e vuole convincerla a morire per stargli vicino. Infine la mamma rimane incinta di un altro figlio.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in anni 90, drammatico, fantasy, Film dimenticato, serie televisiva, titolo scoperto e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    9 risposte a Bambino si strozza con la cordicella di un giocattolo – Risolto

    1. avatar Alice scrive:

      Ti dò qualche elemento in più: il bambino aveva una gemella (non potrei giurarci,ma credo che il nome della sorellina fosse Maggie) e una sorella di qualche anno più grande che ha i sensi di colpa perché anche lei lo aveva sentito lamentarsi quella notte,ma non aveva avuto voglia di alzarsi.
      Ricordo inoltre che la madre dipingeva.
      Ma il titolo…nada. Proverò a cercare

    2. avatar Anonimo scrive:

      ciao alice ti prego CERCA QUEL FILM SONO ANNI CHE CI PROVO MA NIENTE..GRZIE MILLE

    3. avatar Lisa 78' scrive:

      Oddio ora che ricordo l’ho visto anch’io quel film! Diversi anni fa nel primo pomeriggio su canale5.
      Ricordo tutto dall’inizio alla fine.
      1)Il giocattolo non è un trenino ma un cavallino di legno.
      2) La casa aveva un trasmettitore che si collegava con la stanza dei bambini affinchè la mamma potesse sentirli anche dal piano inferiore. ed è da lì che inizia tutto. Grande è il senso di colpa della madre che per il dolo re crede di impazzire fino a quando…
      dopo la morte del bimbo, in una scena di vita quotidiana sente la voce di suo figlio attraverso l’altoparlante!
      3) le visioni aumentano e la vita coniugale continua a peggiorare. il marito dubita della lucidità  della moglie sempre di più ma lei si convince di vedere suo figlio in ogni momento ella giornata, e sostiene a gran voce di non essere pazza soprattutto quando sente la figlioletta giocare nella neve, correndo chiamando per nome suo fratello come se fosse presente.
      4) la difficile situazione famigliare e la depressione rovina sempre di più lo stato psicologico della donna che una notte ossessionata continuamente dal ricordo del bimbo decide di portare con sè la piccola in una zona isolata decidendo di suicidarsi per raggiungere finalmente suo figlio che la chiama e la segue in continuazione.
      5) Alla fine prima che il gas faccia il suo effetto dentro l’abitacolo dell’auto, la donna chiede alla bimba se è felice di rivedere suo fratello che le sta guardando dallo specchietto retrovisore seduto nel sedile posteriore.
      la bimba solo allora rivela che in realtà  suo fratello non l’ha mai visto dopo l’incidente e che quando giocava facendo il suo nome era solo perché si sentiva sola e faceva finta di parlare con lui.
      6) a questo punto la madre si rende conto che il figlio è solo una proiezione del suo inconscio e fa scendere la piccola dalla macchina. la lascia riposare un momento vicino ad un albero e torna dentro l’auto per dare un ultimo saluto al figlio che ancora la reclama.
      Lo saluta e gli dice che non è ancora giunto il momento di rivedersi. e lascia che lo spirito del bimbo scompaia definitivamente. Rimanendo solo un dolce e triste ricordo. La sua vita deve continuare per il bene di tutti soprattutto per amore della bimba. Quindi Happy end…

      Ps: Porca miseria riuscirò prima o poi a ricordarmi sto benedetto titolo! spero per ora di aver fatto qualcosa di utile…
      Fatemi sapere…;-)

    4. avatar angela I scrive:

      Mi associo a Eric: quanto richiesto da P. Maria Pia corrisponde molto alla trama del film “Mio figlio è tornato”, che è del 1994 e dove una delle bambine si chiama Maggie (www.movieplayer.it). Prova. Ciao, Angela I.

    5. avatar angela I scrive:

      Sono in perfetta sintonia con Eric; infatti,nel film ” Mio figlio. è tornato” del 1994 una delle gemelle si chiama Maggie, e la trama sembra corrispondere a quanto cercato. ( http://www.movieplayer.it) . Potrebbe essere questo il film di cui non si ricorda il titolo. Si aspetta conferma . Ciao, Angela I.

    6. avatar Alice scrive:

      confermo,il film mi sembra proprio quello (finalmente!)

    7. avatar angela I scrive:

      Cara Alice, pensi quindi che il caso sia risolto? Potresti, allora, comunicarlo a Pionchan in “Dì la tua?”. Ciao, ciao, Angela I.

    8. avatar Lisa 78' scrive:

      GRANDE ERIC! Bravissimo! Ti ringrazio anch’io! Alla prox! smile

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *