Storia di un matrimonio – Risolto

Ambientato in un territorio degli Stati Uniti che sta per essere colonizzato. Il protagonista è uno dei pionieri che intendono stabilirsi all’Ovest, mettendo su casa e famiglia.
Egli sposa per procura una donna che non conosce. Questa lo raggiunge e inizia per entrambi una faticosa vita a due, per la diversità di cultura. Lui è un po’ rozzo, ma non cattivo, lei desidera uno stile di vita più aperto ed chiede un rispetto che ancora lui non sa dare.
Con pazienza, le cose migliorano e i due imparano a conoscersi e ad amarsi.
Il film si conclude con una scena in cui lui porta nella casa una stufa per riscaldare l’ambiente domestico, nel quale è nato/a il/la loro primo/a figlio/a.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in anni 70, Film dimenticato, psicologico, sentimentale, titolo scoperto. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    5 risposte a Storia di un matrimonio – Risolto

    1. avatar BBC scrive:

      Se non fosse per il matrimonio per procura avrei detto Cuori Ribelli -- http://www.imdb.com/title/tt0104231/?ref_=nm_flmg_act_25
      Ma in effetti era più sulla conquista della terra che sulla vita familiare.

    2. avatar Barbara C. scrive:

      Penso che Rosa ci abbia azzeccato, inserisco qui un video.


      Ciao,
      Barbara

    3. avatar Castàlia scrive:

      Bellissime aperture liriche sul paesaggio e una Liv Ullmann stupenda. Il film, conosciuto anche con il titolo USA “For Better, For Worse” e tratto dal romanzo “The Stranger” di Lillian Bos Ross, è il primo film USA dello svedese Troell dopo il successo internazionale del dittico “Gli emigranti e I pionieri”, uscito tra il 1971 e il 1972.

      Ciao, Castàlia.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *