Film di animazione di un anziano rimasto solo – Risolto

Il film di animazione, forse francese degli anni 90, ma potrebbe essere anche giappo, racconta la storia di un vecchi rimasto a vivere solo tra mille ricordi in una casetta sul mare. Ogni anno l’acqua si alza e lui e costretto con mattoni, malta e cazzuola a costruire un nuovo piano della casa. Il tempo passa, l’acqua si alza e la casa diventa una specie di palazzo con i piani sempre più piccoli. Ogni piano collega quello sottostante una botola da dove pesca (se ricordo bene). Il finale no ricordo, ma il film di animazione è molto triste.
Grazie a chiunque possa ricordare il titolo.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in animazione, anni 2000-attuale, anni 90, Film dimenticato, titolo scoperto. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    6 risposte a Film di animazione di un anziano rimasto solo – Risolto

    1. avatar simo scrive:

      Trovato da solo La maison en petite cubes

    2. avatar Iride scrive:

      Grazie della condivisione, sembra molto interessante, ha vinto l’oscar come miglior cortometraggio animato, lo vedrò senz’altro smile

    3. avatar 32Luglio scrive:

      Grazie anche da parte mia, credo che lo vedrò anch’io!

    4. avatar Castàlia scrive:

      Onestamente non amo tanto i film di animazione, ma questo ha un quid a giudicare dal trailer che ho visto ieri ma che per indisponibilità di tempo non ho inserito. Ecco

      Ciao, Castàlia.

      • avatar Castàlia scrive:

        Concordo; ha affascinato anche me. I messaggi che trasmette sono altamente significativi dal punto di vista morale; film d’animazione veramente formativo. Ciao, Castàlia.

    Lascia un commento