Telefono squilla in un mondo senza umani, Cronache Marziane?

Forse un episodio di Ai Confini della realtà  o Storie Incredibili anni 70-80, Forse Cronache Marziane la serie del 1980 in specifico potrebbe essere il racconto “The Silent Towns” di R.Bradbury apparso anche nella collana Urania.
Mi ricordo che l’atmosfera era molto anni 60 forse bianco e nero, ma magir era solo al tipo di ambiene con pochi colori o alla brutta copia della pellicola.
Luogo deserto forse pianeta abbandonato forse l’umanità  è stata spazzata via, e ambiente desertico sabbioso, simile ad un paesino del New Messico, abitazioni basse, giornali che svolazzano strade polverose in cui si aggira un uomo (attore famoso forse del calibro di Rock Hudson o Cary Grant) si sente squillare un telefono, il protagonista forse vicino ad una macchina nera ferma, supera un porticato, per finire in un cortile (tipo Hotel americano anni 60) dove c’è un cabinato del telefono, (se serve posso ridisegnare la scena)
risponde, ma non sente nulla.
Sono sicuro di una cosa “The Omega Man” Occhi Bianchi sul Pianeta terra con Charlton Eston, lo conosco bene, e non è quello.

Riporto al racconto “The Silent Towns” tratto da Wiki

The Silent Towns (December 2005/2036)
First published in Charm, March 1949.

Everybody has left Mars to go to Earth, except Walter Gripp, a single miner who lives in the mountains and does not hear of the departure. At first excited by his find of an empty town, he enjoys himself with money, food, clothes, and movies. He soon realizes he misses human companionship. One night he hears a telephone ringing in someone’s home, and suddenly realizes that someone else is alive on Mars. Missing the call, and several others, he sits down with a phone book of Mars and starts dialing at A.

After days of calling without answers, he starts calling hotels. After guessing where he thinks a woman would most likely spend her time, he calls the biggest beauty salon on Mars and is delighted when a woman answers. They talk, but are cut off. Overcome with romantic dreams, he drives hundreds of miles to New Texas City, only to realize that she drove to find him on a back road. He drives back to his town, and meets Genevieve Selsor as he pulls in.

Their meeting is the opposite of what he had hoped for in his dreams he finds her thoroughly unattractive (due to her weight and pallor), foolish and insipid. After a sullen day, she slyly proposes marriage to him at dinner, as they believe they are the last man and the last woman on Mars. Gripp decides to run, driving across Mars to another tiny town to spend his life alone, ceasing all contact with Genevieve.

Grazie a tutti Alex v.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in a puntate, americano, anni 60, anni 70, anni 80, fantascienza, film a episodi, Film dimenticato, mistero, post apocalittico, serie televisiva, surreale, tratto da un libro. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    19 risposte a Telefono squilla in un mondo senza umani, Cronache Marziane?

    1. avatar chribio scrive:

      Mah,messa giu’ cosi’ potrebbe essere proprio il 1° episodio della serie “Ai confini della realta’” del 1959 dal titolo “La barriera della solitudine” !!!
      Comunque puoi facilmente con Wikipedia trovare tutte le trame e vedere quale sembra piu’attinente.

    2. avatar Daniele B scrive:

      Potrei sbagliare ma a me ricorda un ep. in bianco e nero dei confini della realtà . il protagonista riesce a scoprire telefonando “a raffica” un’altra persona come lui superstite e ad incontrarla. Scoprendo che quest’ultima è una persona logorroica scappa via e l’abbandona rimanendo nuovamente solo in un mondo desolato.

      • avatar Alex V. scrive:

        Perfetto allora deve essere per forza il racconto tratto da “The Silent Towns” che ho copiato da wiki nella mia trama.

        Nel racconto di R.Bradbury il protagonista vede la donna, accortosi di quanto fosse “cozza” preferisce rimanere, solo, piuttosto che con lei.

        Ora vado a leggermi le trame della prima ed unica stagione anni 60, spero di trovarlo, ti facio sapere.

        Grazie

      • avatar Alex V. scrive:

        Per caso la scena che ricordi è quella dal minuto 8:49 in poi,
        del video postato da Kalos?
        Perchè io ricordo una scena completamente diversa.

      • avatar Alex V. scrive:

        Per caso la scena che ricordi è quella dal minuto 8:49 in poi,
        del video postato da Kalos?
        Perchè io ricordo una scena completamente diversa.

    3. avatar Kalos scrive:

      Alex, hai dato tu praticamente tutti i particolari…
      Il personaggio di Genevieve è presente nella miniserie “Cronache marziane” (The Martian Chronicles, 1980), in 3 puntate, dove sono stati inseriti parte dei racconti dell’omonima raccolta di Ray Bradbury. In particolare nell’ultima puntata, “The Martians” pare esserci la scena da te descritta.

      Su IMdb la review che descrive la scena
      http://www.imdb.com/title/tt1266007/

    4. avatar Kalos scrive:

      Ecco tutta la puntata, ma in tedesco!

      Puoi però forse riconoscere la scena

      • avatar Alex V. scrive:

        Innanzitutto molte grazie perchè cercavo anche questa scena del telefono in esterna da 30 anni, la trama e tutto il resto combacia perfettamente, con il racconto di Bradbury, ma

        Purtroppo non è la scena che cercavo, a questo punto può darsi che non centri nulla con il racconto di Bradbury, l’inquadratura e la scenografia sono completamente diverse
        Quella che ho in mente, forse, era molto più anni 60 chissà  forse in bianco e nero.

        Ho visionato anche “Stopover in a Quiet Town” ma non è nemmeno quello.

    5. avatar Alex V. scrive:

      Mi sono ricordato di una serie TV “The Ray Bradbury Theater”
      di 6 stagioni circa andata in onda negli anni 80

      Ma forse la scena potrebbe essere anche in “The World, the Flesh and the Devil”
      un bellissimo film del 1959 con Harry Belafonte

      Se qualcuno ricordasse qualcosa…

    6. avatar Anonimo scrive:

      Casomai Alex V.,prova a fare la tua domanda su qualche Sito Inglese (se serve aiuto avrei qualche Sito da proporti).

    7. avatar Daniele B scrive:

      Se la memoria non mi tradisce la scena che ricordo io era diversa. Nell’ep. dei confini della realtà  il protagonista telefonava seguendo un elenco telefonico con la speranza che qualcuno gli rispondesse. Ho visto il video di kalos velocemente e non completamente e mi sembra che questa scena non ci sia. Essendo in lingua tedesca non posso capire se il protagonista fugga dalla donna perchè logorroica. Era un particolare che mi era rimasto impresso dell’episodio. Quando ho affermato nel post precedente che fosse in b/n credo che sbagliavo, deve essere a colori e degli anni 80′.. Infatti ho controllato le 5 stagioni in bianco e nero dei confini della realtà  ma di questo ep. non ce n’è traccia. adesso mi metto a cercarlo tra gli ep. a colori dei confini della realtà …sempre che appartenga a questa serie.

    8. avatar Daniele B scrive:

      Purtroppo non ho trovato questo ep. nella serie a colori dei “ai confini della realtà “. però mi ricordo di averlo visto come te l’ho descritto precedentemente. Forse appartiene alla serie di Alfred H. presenta…o ad un’altra serie.
      Non è cmq detto che l’ep. che ho visto io sia lo stesso che cerchi te…..mah!!!

      • avatar Alex V. scrive:

        Non lo hai trovato nella serie, perchè non c’è proprio, ci sono scene simili nella prima edizione.
        Nel link di Kalos, come ti ho detto da minuto 8:49 in poi, c’è la scena da te descritta, lui si aggira trova una vetrina con manichini poi sente il telefono. subito non vi pone caso, va a rispondere senza fare in tempo, poco dopo squilla un telefono di un appartamente li vicino.
        Il protag. entra nell’appartamento risponde, nuovamente in ritardo, si arma di guida telefonica e comincia a fare chiamate, finchè non trova la donna, si danno appuntamento lui prende una sorta di elicottero monoposto e la raggiunge, ma quella ha occhi solo per se stessa, è svampita e molto vanitosa.
        La donna lo obbliga ad un finto appuntamento, lui cucinerà  per lei, farà  il galante, ma quando sarà  il momento di “concludere” lei si rifiuterà .
        A quel punto il protagonista logicamente stufo, preferirà  scappare dalla donna, l’episodio si conclude con lui che svolazza via con il suo monocottero.

        Nella narrazione di questo episodio, si incrocia un altra vicenda, ogni qualche minuto, per poi tornare sull’episodio del telefono, può darsic he guardando velocemente tu non vi abbia posto caso, perdendoti tutta la storia.

    9. avatar Daniele B scrive:

      Si, chiaro, quando dicevo che non l’ho trovato intendevo dire che l’ ep. non è presente nella serie dei confini della realtà  ma che fa parte sicuramente di un’altra serie.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *