Viaggi attraverso l’armadio.

Premetto che non sono le cronache di Narnia, ma qualcosa di mooolto più vecchio… almeno prima degli ’80.

Ricordo che era bianco e nero (all’ epoca però non avevamo ancora la tv a colori ;) ), non so se fosse un film o una serie.
Comunque:
un tizio in una stanza (direi alquanto squallida) entra nel suo armadio per affrontare dei viaggi in posti fantastici e a volte tenebrosi (come una volta che si ritrova davanti un ragno gigante).

Questa voce è stata pubblicata in anni 60, anni 70, bianco e nero, film a episodi, Film dimenticato, mistero. Contrassegna il permalink.
RSS dei commenti a questa trama




  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    4 risposte a Viaggi attraverso l’armadio.

    1. avatar pincopallino scrive:

      ai confini della realtà  ?

      • avatar Andrea scrive:

        …c’ ho pensato, ma frugando nella collana della serie non ho trovato nessuna puntata che mi ricordasse quelle scene…

        …un riferimento che potrebbe tornare utile è che in quello stesso periodo mandavano in onda un programma tv (non sono sicuro, ma credo fosse RAI) dove narravano le avventure di Saturnino Farandola (un’ altra chimera) o quantomeno iniziava con una bolgia di scimmie su un battello con un motivo di sottofondo che ripeteva il nome del protagonista.

        Mhà !

        Grazie in ogni caso ;)

    2. avatar Rosacenere scrive:

      A proposito di armadi, non sarà  il “Dottor who?” lo davano in fascia pomeridiana dal 1980 al 1981. però non era proprio un armadio ma una cabina telefonica…

    3. avatar rosacenere scrive:

      Forse potrebbe essere “Il Dottor Who”, telefilm dato in fascia pomeridiana dal 1980 al 1981, anche se non si trattava di un armadio ma di una cabina telefonica.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *