Film incentrato su due fratelli, padre severo

Salve a tutti, ricordo vagamente questa trama di un film cui non riesco a risalire: c’era un padre molto severo che aveva due figli, uno piccolino e l’altro più grandicello. Mentre riservava le sue attenzioni solo per il figlio piccolo, quello grande veniva continuamente maltrattato e ripreso più volte dal padre. Il grande tenta pure di suicidarsi(ricordo la scena in cui lui cerca di uccidersi buttandosi da un albero). Ma vi è una svolta… La madre dei due ragazzi muore ed il padre è costretto a prendersi cura di entrambi… Non ricordo altro…

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in anni 2000-attuale, anni 2010, anni 80, anni 90, drammatico, Film dimenticato, film tv. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    3 risposte a Film incentrato su due fratelli, padre severo

    1. avatar Kalos scrive:

      La storia sembra quella di “Incompreso”

      Ne esistono diverse versioni, a partire da quella italiana del 1966 con Anthony Quayle, poi quella americana de “L’ultimo sole d’estate” del 1984 con Gene Hackman, e infine il film tv in 2 puntate “Incompreso”, del 2002, con Luca Zingaretti nella parte del padre. Mi pare probabile che tu possa fare riferimento a quest’ultima versione.

      Controlla un pò la prima parte del film

    2. avatar angela I scrive:

      Questo è facile, si tratta di “Incompreso” di cui si è parlato nel sito. Per ulteriori dettagli sulle versioni cinematografiche segui i trailers che ho inserito

      http://www.memocinema.com/film-drammatico-famiglia-piena-di-disgrazie/

      Sarai tu a dirci quale hai visto, ma la storia è sicuramente quella.

      Ciao, Angela I.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *