Statua con spuntoni – Risolto

Non ricordo molto, anzi pochissimo… Dunque, è un film horror. Indicativamente anni ’80. L’oggetto assassino è una statua, di grosse dimensioni, che funge da oggetto d’arredamento poiché lo ricordo posizionato nelle case dei personaggi. Non ricordo se gli spuntoni, che ricoprono quasi tutta la superficie della statua, con i quali uccide, sono retrattili, ovvero escono dal suo corpo all’occorrenza oppure fanno parte della statua sempre.
Grazie per l’aiuto!

Questa voce è stata pubblicata in anni 80, Film dimenticato, horror, titolo scoperto. Contrassegna il permalink.
RSS dei commenti a questa trama




  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    12 risposte a Statua con spuntoni – Risolto

    1. avatar zeder scrive:

      Sicuro che non si tratti di “Tenebre” di Dario Argento(1980)? Nel finale l’assassino viene trafitto da un oggetto di arredamento pieno di spuntoni..ma non era proprio una statua.

    2. avatar MissAbu scrive:

      no zeder. Si tratta, nei miei ricordi, di una statua che potrei definire votivs, una sorta di idolo che si anima. Non so se esso stringa un patto con il/la protagonista per farsi portare dei sacrifici umani…
      Miriam

    3. avatar Anonimo scrive:

      craze il buio macchiato di rosso. Regia di Freddie Francis

    4. avatar MissAbu scrive:

      nessuna di questi… sob sad

    5. avatar Ciccioman scrive:

      mi ricordo perfettamente e sto cercando anche io quel filmato. un trauma infantile. credo fossimo proprio a cavallo tra ’70 e ’80. ricordo così: alla signorina viene regalata (o acquista?) una statuetta tribale (africa? asia?) con una collana. da qualche parte si dice che la collana non va tolta. la signorina parla al telefono ma alla stauetta cade la collana: quella si anima inseguendo casa casa la signorina per ucciderla (non ricordo se con la sua bocca dentata o con un coltello). Allucinante, soprattutto per un bambino di 7 -- 8 anni! Ma il titlolo, nisba. Forse era un episodio in una raccolta.
      Dai che ce la facciamo.

    6. avatar Rosa scrive:

      CiccioMan il film a cui fai riferimento è sicuramente uno dei tre episodi de “La trilogia del terrore” quello intitolato “Amelia”. Non è lo stesso film che cerca Missabu però!

    7. avatar Ciccioman scrive:

      beh, grazie a voi potrò tentare di elaborare questo trauma, però! in bocca al lupo per la ricerca, il mio era proprio quello che dice Rosa:

    8. avatar Rosa scrive:

      ahahah addirittura trauma laugh Beh felice di esserti stata utile! Speriamo di risolvere adesso anche l’altro!!

    9. avatar marco963 scrive:

      Ciao ragà. Scusate se mi infilo (forse inopportunamente), ma forse il film potrebbe essere il seguente? (so che non è identico alla descrizione, ma se è lui l’ho cercato anch’io non poco).
      The Norliss Tapes (1973) Con Angie Dickinson (L’agente pepper). In Italia se non erro si chiamava L’anello di Osiride, però potrei sbagliarmi. Guarda tutto il filmato allegato, dico tutto…. forse è lui, anche se non è precisamente quello dei tuoi ricordi.

      Avevo 10 anni quando l’ho visto. Potrei anche sbagliare.
      Ciao a Tutti

    10. avatar MissAbu scrive:

      Cari Rosa e Marco, purtroppo non si tratta del mio film… Ricordo vagamente una scena in cui la/il protagonista si trova nella sua camera da letto con un/una ragazzo/a. La famosa statua è ai piedi del letto e quando a un certo punto uno dei due le si avvicina, lo uccide coi suoi aculei.
      Potessi ve la disegnerei… la statua è ben impressa nella mia mente!!!
      Grazie a tutti, siete fantastici!

    11. avatar miriam scrive:

      Ragazzi… so che è passato molto tempo… ma il film era proprio Hellreiser 3! Guardandolo tutto è riaffiorato alla mente ogni particolare perduto o deformato dalla memoria! Quindi grazie Valentino!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *