La civiltà  umana divisa in due gruppi – Risolto

Film di gipsy:

Film fantascienza TV, a puntate. Fine anni 70,inizio 80. Ambientato nel futuro. La civiltà  umana è divisa in 2 gruppi. Il primo gruppo dominante è tecnologico e prospero, dove i figli vengono programmati e generati tramite incubatrice artificiale. Il secondo gruppo definito “selvaggio”, lasciato a se stesso nell’ignoranza, nella miseria e alla riproduzione “classica”. Alla fine una rivolta sovverte l’ordine del primo gruppo. (Interessante, prima idea di fecondazione artificiale).

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in anni 70, fantascienza, Film dimenticato, film tv, titolo scoperto e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    6 risposte a La civiltà  umana divisa in due gruppi – Risolto

    1. avatar Aldo scrive:

      Salve Gipsy
      potrebbe essere IL PIANETA DELLE SCIMMIE (The Planet of the Apes) di F.J.Sfaffner 1968 e successivi (è una serie)
      Buona serata
      Aldo

    2. avatar Carmelo scrive:

      potrebbe essere “l’uomo che visse ne futuro” o meglio una parte di questo film.

    3. avatar enrica scrive:

      L’Ombra dello Scorpione: un film horror per la televisione di Mick Garris del 1994, tratto dal romanzo omonimo di Stephen King. non ho visto il film ma la trama di cui parli è sicuramente quella. deve esserci anche tra i personaggi una vecchia tipo sciamana attorno alla quale si riuniscono i “buoni”. all’inizio una strana epidemia ha decimato la popolazione.

    4. avatar Zaffiro scrive:

      No ragazzi, mi spiace, ma finora sbagliate tutti.
      Ne “Il pianeta delle scimmie” (serie telefilm) gli umani non sono divisi in gruppi, non sono progrediti tecnologicamente e, soprattutto, sono soggetti al dominio delle scimmie, divenute intelligenti.

      “L’uomo che visse nel futuro” è il titolo italiano dato al film “the time machine” del 1960, tratto dal racconto di H.G. Wells.
      La razza umana si è divisa in due: gli Eloi, che vivono alla luce del sole, gente dall’animo innocente come quello di un bambino, e altrettanto spensierata (e un po’ apatica), e i Morlock sotterranei, esseri deformi, incapaci ormai di sopportare la luce solare e -- così mi pare facciano capire -- dediti al cannibalismo (mangiano gli Eloi…).

      L’Ombra dello Scorpione. Brutto adattamento di un bellissimo romanzo. La trama NON E’ sicuramente quella, trattandosi -- inizio catastrofico a parte -- della lotta tra il bene e il male, impersonati dalla vecchia Abigail (che tutta la gente buona sogna, e attorno alla quale si riuniscono) e dal malefico Randall Flagg (praticamente l’incarnazione del diavolo, nel romanzo questa impressione è molto più “palpabile” che nella miniserie tv). Non è ambientato nel futuro, non c’è apprezzabile differenza tecnologica tra le persone seguaci del bene e quelle seguaci del male, i bambini si fanno nella sana, vecchia maniera…….

      Invece a me questi indizi ricordano un film che ho visto proprio nella prima metà  degli anni 80, e di cui non ho mai saputo il titolo (pensavo appunto di postarlo… pare sia stata preceduta).
      Aggiungo perciò i particolari che ricordo, sperando che aumentino le probabilità  che venga riconosciuto.

      Allora: la società  tecnologica aveva assunto (come religione o comunque come filosofia di vita) il culto della Ford T, e il segno T era proprio quello che si scambiavano come saluto. Le gravidanze erano viste come una cosa ributtante e perciò tutte le donne prendevano la pillola (con una specie di strana formuletta per ricordarsela, tipo “uno più uno uguale nessuno”…). La protagonista, però se la dimentica sempre, e rimane incinta. Non so se scappa o viene espulsa, ma comunque dà  alla luce il suo bimbo (probabilmente nella comunità  più “arretrata”)… qui c’è il bucone di memoria, ma credo che lei lasci il bambino e ritorni nella “sua” società  avanzata. L’unica altra scena che ricordo è questa donna, ormai vecchia, che incontra il figlio (almeno trentenne) e gli dice estasiata che è sua madre.

      Tutto qua, purtroppo. Spero sia d’aiuto.
      E grazie……

    5. avatar eric scrive:

      La trama è quella de “Il mondo nuovo” di A.Huxley, segnalata anche qui

    6. avatar Zaffiro scrive:

      Ma voi siete meravigliosi!!!!! Non posso parlare per Gipsy, ma almeno il mio film è stato trovato!!!! Eric, un milione di grazie: ora mi vado a comprare anche il libro!!!!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *