Film drammatico giapponese (anni ’60?). .

Purtroppo è solo una parte del film, ma importante: “L’eroina in lutto fa un sogno in cui immerge un dito del piede in un lago scuro come l’inchiostro, e quel dito rimane macchiato. Al risveglio lo è ancora, e nell’arco di alcuni giorni quella macchia si estende a tutto il corpo, trasformandola in oscurità vivente. Quando alla fine le arriva al collo, lei torna al lago e vi si getta dentro, ricongiungendosi al perduto amore. ”
(Kurosawa, Imamura, Oshima, Ichikawa, Teshigahara, Kobayashi, Suzuki, Shindo, Mizoguichi, Fukasaku, Wakamatsu?)

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in anni 50, anni 60, anni 70, drammatico, Film dimenticato, giapponese. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    5 risposte a Film drammatico giapponese (anni ’60?). .

    1. avatar Claudio Graziano scrive:

      il racconto “The Martian Job -- Il Colpo Marziano” è un opera di fantasia, di tale Jaine Fenn :
      https://www.jainefenn.com/
      al contrario del nome della protagonista, Lizzie Choi, che, come spesso succede, ha un suo corrispettivo nella realtà: ha addirittura un profilo Facebook…
      Cosa ti fa pensare che il vecchio film giapponese da lei visto (a pag. 35 dell’edizione Urania in cui viene nominato) sia stato veramente girato e -- sarebbe veramente una pasqua -- distribuito in Italia-no?
      Scusa, ma la tua richiesta, a prima vista, sembra una Mission Impossible…

      • avatar Matteo scrive:

        Probabile (considerati i nomi dei registi che ho citato nella mia richiesta) sia in quella lista MUBI, ma quella stessa lista, ai fini della ricerca, è abbastanza inutile… smile dash

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *