Donna annegata in auto che si vendica

Salve, purtroppo ho pochissimi ricordi di questo film, si tratta di almeno 30 anni fa, forse anche 35…ero piccolissimo quindi i ricordi sono pochissimi.

Ricordo solo poche scene…questa donna (credo in abito da sposa) che viene fatta sprofondare in acqua chiusa in un’auto.
Penso fosse ancora viva e si sbracciasse…due uomini (credo fossero due) stavano a guardare mentre lei si sbracciava (quindi probabilmente l’auto l’avevano spinta loro in acqua…magari credendola morta, e solo dopo accorgendosi che era viva, quando lei, pochi istanti prima di affondare, cominciò ad agitarsi…ma è solo una mia ipotesi).
Poi ricordo che la donna tornava (non so se come zombi o come fantasma…si vedeva comunque la sua figura) per vendicarsi…ma purtroppo ho un ricordo troppo vago anche della vendetta, e infatti, con tutti i miei “credo”, “penso”, probabilmente” non ho praticamente speranze di ritrovare questo film…ma ci provo lo stesso…chissà…grazie a tutti per l’attenzione smile

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in drammatico, Film dimenticato, horror, tanti anni fa. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    3 risposte a Donna annegata in auto che si vendica

    1. avatar Tommy scrive:

      Ho appena visto questo
      https://www.memocinema.com/?p=88219
      potrebbe trattarsi proprio dello stesso film…cerco di verificare e vi aggiorno!

    2. avatar Rosy scrive:

      “storie di fantasmi” si intitola

    3. avatar Tommy scrive:

      Si, grazie Rosy, è proprio lui! smile
      Lo avevano già detto in quel link che ho postato nel mio ultimo messaggio, quindi mi sa che questa domanda è da considerarsi un doppione di quella…

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *