Mediometraggio semimuto. Storia d’amore

Mediometraggio credo francese. Stile di recitazione come fosse un film muto, ma la pellicola appartiene già all’epoca del sonoro. La voce fuori campo del protagonista narra la sua storia passata di giovane ufficiale (?) impegnato a prestare servizio in una provincetta. Prende in affitto una camera presso una buona famiglia del paese. Vigono buone maniere e massima pudicizia, ma l’ufficiale si innamora della giovanissima figlia dei proprietari. Non sa come fare, è inquieto. Inaspettatamente percepisce di essere ricambiato, finché la ragazza lo raggiunge di notte nella sua camera. Ne rimane stordito e affascinato per l’ardire di lei. Trascorrono insieme poche notti di passione con il costante timore di essere scoperti. E una notte, dopo aver consumato un rapporto, lui si rende conto, d’un tratto, che lei è esangue. È sconvolto, non sa che fare, come giustificare la presenza di lei morta nuda nella sua stanza. Decide infine di scappare via. Confiderà tutto a un suo mentore, che poi risolverà la faccenda mettendoci una buona parola con la famiglia. La ragazza era già precedentemente malata, e ne era cosciente. Onde il desiderio di non morire vergine.
L’ho visto su fuori orario Rai tre una decina di anni fa.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in anni 40, anni 50, anni 60, bianco e nero, Film dimenticato, francese, nostalgico, poetico, romantico, sentimentale. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    Una risposta a Mediometraggio semimuto. Storia d’amore

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *