Delitto quasi perfetto – Risolto

Film noir americano: c’è un delitto. Un giornalista ,contrario alla pena di morte,insieme al suo fotografo si reca sul luogo del delitto lasciando appositamente indizi che lo incolpano,ma avendo cura di farsi fotografare mentre crea le prove a suo carico. Quando va sotto processo e sta per esibire le prove della sua messinscena,il fotografo suo amico muore in un incidente stradale e con lui si perdono le fotografie che dovrebbero scagionarlo. Tutto sembra perduto ma una sua amica (non ricordo se fidanzata o meno) fa in modo che lui venga assolto. Qui c’è il geniale colpo di scena. In un colloquio con lei,lui si tradisce e si svela come il vero assassino che aveva architettato tutto per sviare i sospetti da se. Film che vidi in tv in bianco e nero tanti anni fa,ma che mi è rimasto impresso per la genialità della trama. Non ricordo gli interpreti né tanto meno il titolo: mi rimetto alla vostra competenza.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in americano, anni 40, anni 50, bianco e nero, Film dimenticato, noir, poliziesco, thriller, titolo scoperto. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    2 risposte a Delitto quasi perfetto – Risolto

    1. avatar Barbara C. scrive:

      Si tratta di “L’alibi era perfetto” (Beyond a Reasonable Doubt) del 1956, del grande Fritz Lang.
      https://it.wikipedia.org/wiki/L'alibi_era_perfetto

      C’è anche un remake del 2009 con Michael Douglas:
      https://it.wikipedia.org/wiki/Un_alibi_perfetto
      Ciao,
      Barbara

    2. avatar Alessandro Borgogno scrive:

      L’alibi era perfetto (Beyond a Reasonable Doubt) -- Fritz Lang
      Capolavoro

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *