Orizzonti sconfinati – Risolto

In un recente post, è emerso un particolare che mi consente di collegare ad altri film, proseguire il tour geo-musical-cinematografico con l’utente O. E. E aprire, eventualmente, nuovi e interessanti scenari… castàlia.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in anni 2010, Film dimenticato, tanti anni fa, titolo scoperto. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    150 risposte a Orizzonti sconfinati – Risolto

    1. avatar Castàlia scrive:

      Il dettaglio della zattera emerso in https://www.memocinema.com/?p=101067&cpage=1#comment-108471 mi fa associare inevitabilmente a Robinson Crusoe, sul quale volutamente sorvolo. Richiamo, invece, i due film che mi sono venuti in mente

      “Cast Away”, 2000

      https://it.wikipedia.org/wiki/Cast_Away

      “Zattera della Medusa (Le radeau de la Méduse)”, 1994

      https://it.wikipedia.org/wiki/Zattera_della_Medusa

      Che pensi del titolo dato al post? Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        mi fa associare inevitabilmente a Robinson Crusoe

        e io ne approfitto per ricordare un bellissimo telefilm degli anni ’60 con Robert Hoffman smile

        Non male “Cast Away”, mentre non ho mai visto la versione cinematografica del dramma dei naufraghi della Medusa…
        Sì è forte il titolo di questo post ed è anche assai cinematografico smile

        Oliver

    2. avatar Castàlia scrive:

      un bellissimo telefilm degli anni ’60 con Robert Hoffman

      “Le avventure di Robinson Crusoe (Les Aventures de Robinson Crusoë)”, 1964… suo debutto?
      https://it.wikipedia.org/wiki/Le_avventure_di_Robinson_Crusoe_(serie_televisiva)

      Angela bye

    3. avatar Oliver scrive:

      Ok e grazie di nuovo per Robinson Crusoe smile

      Buona Notte
      Oliver hi

    4. avatar Castàlia scrive:

      Boga Boga:

      La canzone del marinaio, canzone basca classica, cantata dagli uomini di Zarautz, il risultato è sorprendente. Registrazioni impegnative nel campo della musica folk fatte da Alan Lomax, nel 1952, nella Spagna della dittatura di Franco. Registrazioni effettuate sul campo, impegnative specialmente nelle province basche di Bizkaia e Gipuzkoa. Giusto? E ho individuato qualcosa su cui ci sarà da conversare… a tempo debito… Ritorno ai film… bye Angela

    5. avatar Castàlia scrive:

      “Zattera della Medusa (Le radeau de la Méduse)”,

      Il riferimento al Senegal, ovviamente, mi fa associare a “Profumo d’Africa (Les caprices d’un fleuve)”, 1996, con Anna Galiena, venuto già fuori accidentalmente…
      https://www.imdb.com/title/tt0115823/
      1997 in
      https://www.comingsoon.it/film/profumo-d-africa/34507/scheda/
      https://www.memocinema.com/?p=15525

      e da lì con zattera mi catapulto in Nuova Zelanda:

      Il cortometraggio “Johnny Lingo”, 1969

      https://www.imdb.com/title/tt0365393/

      e il relativo remake dal titolo:

      “La leggenda di Johnny Lingo (La leggenda di Johnny Lingo)”, 2003

      https://it.wikipedia.org/wiki/La_leggenda_di_Johnny_Lingo

      Angela bye

    6. avatar Castàlia scrive:

      Ma dei film segnalati stai prendendo nota? Per questa sera ne segnalo un altro…al prossimo giro. Angela bye

    7. avatar Castàlia scrive:

      a me è venuta nostalgia dell’ Italia

      Sento il richiamo dell’ Abruzzo forte e gentile.

      Piaceva tanto a mio padre e… la cantava pure!
      Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        Bella questa versione! E neanche a farlo apposta sono rientrato da poco in compagnia di una bottiglia di Montepulciano d’Abruzzo, anch’esso forte e gentile…
        Ed io fo un salto in Toscana con Odoardo Spadaro ed un suo famoso valzer, a proposito credo che il grande Spadaro fosse d’origine siciliana..

        https://www.youtube.com/watch?v=EPStkP2UxiU

        Oliver

    8. avatar Castàlia scrive:

      Il padre era siciliano. E’ poesia in musica.

      una bottiglia di Montepulciano d’Abruzzo, anch’esso forte e gentile… Non posso apprezzare… il vino non mi piace … a malapena bevo acqua. Non penso che berrai a cena tutto il liquido contenuto nella bottiglia? Non va bene. Invece io per un attimo sono ritornata in Romagna, per via di quei girasoli di cui ho visto un campo bellissimo andando da Cesena a Forlì. Angela bye

    9. avatar Oliver scrive:

      Non penso che berrai a cena tutto il liquido contenuto nella bottiglia? Non va bene

      Oh… no, un paio di bicchieri e non sempre se no poi la Dott. mi striglia smile

      Eh sì belle campagne e anche belle colline

      Oliver

    10. avatar Castàlia scrive:

      un paio di bicchieri E quanto sono grandi i bicchieri? Quello è il punto!

      se no poi la Dott. mi striglia E fa bene! Bravissima. bravo

      ….Ah! Mi piace moltissimo anche lo jodel o yodel …

      Forse qualcosa è nel film “Tutti insieme appassionatamente”, 1965

      Mitico comandante Von Trapp. Che dico! Christopher Plummer… e mi ricordo qualche battuta del film

      Angela bye

    11. avatar Castàlia scrive:

      Questa non me l’aspettavo, fai il tifo per lei . Faccio il tifo per la tua salute… forse ti dovresti mettere pure a dieta… Se la dott. ti striglia si vede che ha motivo. Poi … sei grande, maggiorenne e vaccinato… Ma malconcio…malandato... mi inducono a pensare che forse sei indisciplinato. Per quanto riguarda lo Yodel, continuiamo domani… sempre qui e se ti va. Buona notte. Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        Ok, lo Yodel è interessante smile
        Sì forse la dott. non ha tutti i torti… grazie del consiglio

        Buona notte hi
        Oliver

        • avatar Castàlia scrive:

          grazie del consiglio Prego! Consiglio disinteressato, ma pertinente. Quanto allo Yodel/Jodel… sicuramente interessante… Angela bye

          • avatar Oliver scrive:

            Forse oggi lo Yodel è solo legato al folklore, ma un bel pò di decenni fa negli anni ’20 e ’30 ebbe il suo momento d’oro influenzando tanti artisti che vi si cimentarono. Chissà se un giorno o l’altro vi sarà uno Yodel revival?
            Tu hai mai provato a “Yodelare”?
            Oliver

            • avatar Castàlia scrive:

              Un mio familiare riesce e anche bene. Purtroppo io non sono capace, anche se ho provato. Mi piacerebbe tanto, però. Forme di jodel sono presenti negli Stati Uniti (con i Country yodel), in Caucaso, Melanesia, Cina, Cambogia, Lapponia, Svezia, Romania e nelle aree abitate da pigmei ed inuit. Lo jodel tirolese è invece cantato e, tramite cantanti girovaghi, si è diffuso anche in Svizzera. Il mondo occidentale conosce solo lo jodel delle zone alpine, in realtà in tutte le zone di montagna o isolate del pianeta si ricorre a questa tecnica/forma di comunicazione vocale per fronteggiare lunghe distanze sfruttando proprio la bitonalità dei suoni emessi, che è maggiormente percepibile; nella Svizzera centrale è utilizzato per richiamare il bestiame o per una richiesta di soccorso. Poi ti faccio sentire… Angela bye

    12. avatar Castàlia scrive:

      Veramente orizzonti sconfinati… E tu sei capace? Parlando di yodel non posso non citare Franzl Lang, ovvero Yodel King


      Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        Urca…. questo Franzl è davvero tosto!!
        Oh… no non son capace di Yodelare, tuttavia ogni tanto ho provato a canticchiare qualche country yodel e gli ascoltatori terrorizzati se la davano a gambe… del resto se non erro lo yodel stile country è micidiale pure per i marziani smile

        Oliver

        • avatar Castàlia scrive:

          Ci vuole maestria, come in tutte le cose. Ognuno di noi deve fare le cose per le quali è stato programmato.

          Franzl è davvero tosto… era… purtroppo. Ma l’ascoltiamo lo stesso ed è un modo per farlo vivere. Lo so, non c’entra, forse c’entrano i luoghi, ma quando parlo di yodel mi viene spontaneo associare a

          l’aria più bella è sicuramente

          Angela bye

          • avatar Oliver scrive:

            Ma… è Al cavallino Bianco… la versione che vidi in tv all’epoca anche se in b/n!! Bellissimo! Ricordo anche la partecipazione di Paolo Poli. In quel periodo la Rai trasmise una serie di tre operette, le altre furono l’Acqua Cheta e se non ricordo male Il Paese dei Campanelli…
            Bei ricordi in b/n di un tempo ormai andato sad

            Oliver

    13. avatar Castàlia scrive:

      L’associazione scatta spontanea… forse sono i luoghi. Comunque, domani staremo ancora qui… poi dobbiamo pensare a trasferirci. Intanto ho una bella faringite… altro che yodelare! Beh! A domani… per la scoperta. Buona notte. Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        Speriamo che la faringite passi presto, nel frattempo proverò a yodelare un po’ io… no no scherzo!

        Buona notte hi
        Oliver Emelius

    14. avatar Castàlia scrive:

      Cito: Angela
      E ho individuato qualcosa su cui ci sarà da conversare… a tempo debito…
      Oliver
      Va bene, quando vorrai…

    15. avatar Castàlia scrive:

      Aspetta… poi deduci:

      L’irrintzina, cioè la tradizionale “abbanniata” che si rivela anche un insieme di risata e di un verso del cavallo (Fremito) è usata dai Baschi per esprimere felicità. Il termine “abbanniata” probabilmente deriva dal gotico : bandujan, chi signìfica «dare un segnale». Di quando ero piccolina e del paese paterno, ricordo la “abbanniata” per la vendita. Qualche cosa è rimasta nelle fiere tradizionali… quando i venditori, con l‘altoparlante, richiamano il pubblico … A me è capitato a Cesena, durante i festeggiamenti per San Giovanni. Un espositore gridava: Venga, venga signora, venga ad assaggiare i nostri prodotti. Non le piacciono? Mi dia questa soddisfazione” Non ho potuto trattenere un sorriso… Mi sono avvicinata e ho detto: “Proprio a me dice queste cose? Ma io li conosco benissimo perché sono tipici della mia regione e vengo da lì. Comunque mi fermo nello stand e faccio da richiamo”. Qualcosa di simile mi è capitato anche al mercato a Piazza Saffi.
      Ad Irrintzina è collegato il termine Irrintzi, un gruppo o una cellula nazionalista basca armata che agisce nel Paese Basco settentrionale e ha attaccato ferrovie, siti turistici e quartier generali dei partiti politici. La parola irrintzi che si riferisce, quindi, in origine al tradizionale grido acuto folk basco usato per esprimere celebrazione o felicità, attraverso l’irrintzina, denota anche l’esaltazione e la gioia tipiche del popolo basco nell’irritare il nemico dopo averlo vinto.

      Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        C’e’ quindi una connessione tra guerra e pace, i richiami dei venditori a una fiera di paese e le grida per irritare o spaventare il nemico….
        questo mi fa pensare allo Rebel yell il grido di guerra dei confederati

        https://www.smithsonianmag.com/videos/category/history/what-did-the-rebel-yell-sound-like/

        E così ti mettesti a fare gli annunci al mercato di Cesena? Troppo forte!

        Oliver Emelius

        • avatar Castàlia scrive:

          questo mi fa pensare allo Rebel yell il grido di guerra dei confederati Giustissimo!

          E così ti mettesti a fare gli annunci al mercato di Cesena? Troppo forte! Mi hai fatto proprio divertire con questa uscita rofl

          Oliver! Ma che dici! Facevo finta di assaggiare, lodavo i prodotti, dicevo ottimo, veramente squisito, chi passava sentiva, si avvicinava e comprava. Tutto qui. wink Sto pensando e intanto ho preso l’antibiotico, purtroppo. Angela

          • avatar Oliver scrive:

            Mi hai fatto proprio divertire con questa uscita

            Eh lo so… sono un vecchio babbeo pardon

            Io ho appena preso un altro tipo di medicinale…

            Oliver

    16. avatar Castàlia scrive:

      vecchio babbeo l’hai detto tu! Io non l’ho nemmeno pensato. no Oliver su! E ancora su!

      mi sono imbattuto nel titolo di un vecchio film italiano

      che vorrei quasi inserire una richiesta. Sarebbe una sorta di ricerca al contrario

      Ricordati il titolo del film, perchè domani completo qui con le mie associazioni e penso che ci trasferiamo su un’altra pagina. Il titolo del film me lo dirai domani qui o altrove. Buona notte. Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        Ok e babbei a parte credo che quel film sia interessante smile
        Si tratta di uno sceriffo ed io nelle vesti di un vetusto tutore della legge del west sono ancora alla ricerca del cinico ed ingrato pistolero…

        Buona notte
        Oliver

        • avatar Castàlia scrive:

          Ho fatto tardi dall’oculista. Ho difficoltà a scrivere. Vediamo che si può fare. Sicuramente il tuo film sarà interessante. Angela bye

          • avatar Oliver scrive:

            Non devi sforzare la vista mi raccomando, per il film c’e’ tempo perché a quanto pare l’unica copia esistente andò perduta all’inizio degli anni ’50.
            Domani scriverò altro sul film ma adesso non voglio che sforzi la vista

            Buona notte hi
            Oliver Emelius

            • avatar Castàlia scrive:

              Hai ragione. Non è cosa. A domani, buona notte. Angela bye

              • avatar Oliver scrive:

                Pochi giorni fa quasi per caso sono venuto a conoscenza di un western italiano realizzato nel 1950. Il film era tratto da un personaggio dei fumetti di quei tempi “Il Piccolo Sceriffo” il cui esordio in edicola risaliva al Giugno 1948.
                Oggi questo personaggio è ormai dimenticato, ma a quanto pare a quei tempi andava così forte al punto di arrivare a piazzare 200.000 copie ad albo!
                Il successo del fumetto indusse l’editore a produrre un mediometraggio nel 1950.
                Alcune scarse notizie sul film si trovano su wikipedia alla pagina “Il Piccolo Sceriffo”.
                Ho trovato in rete alcune immagini:

                http://www.fotoafe.it/ctrlMainLst.cfm?where=Film&mode=Sch&idFilm=13499

                http://www.afnews.info/wordpress/2017/01/10/piccolo-sceriffo-il-film/

                Stando a quanto dice la pagina di Wikipedia la pellicola finì in Argentina andando poi perduta…
                Probabilmente si trattava di un breve film per ragazzi, ma rimane interessante per essere stato uno dei pochissimi western realizzati in Italia ben prima che negli anni ’60 nascesse il genere Spaghetti western, chissà che non si riesca a trovare qualche altra informazione…

                Oliver

    17. avatar Castàlia scrive:

      Avere ascoltato l’ Irrintzina

      mi ha fatto associare a….quel particolare suono che le donne magrebine o comunque arabe emettono: “Zagruta, zalghouta , zaghrouta o zagrotha (il nome dipende dal Paese arabo)
      Normalmente si fa per esprimere grande gioia nei matrimoni, quando il figlio si laurea o quando nasce un bimbo/a. Nei funerali solo per i “Martiri”, rallegrandosi per la ricompensa che il defunto avrà: “L’eterno Paradiso”.

      Insomma sono forme di Yodel. O sbaglio?

      Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        Io penso che tu abbia ragione, forse si tratta di forme precedenti allo Yodel classico e come mi fai notare presenti in diverse culture. Il ragazzo nel primo video ne spiega i vari usi e a proposito di grido di guerra mi vien da pensare agli indiani d’america…
        Ah ho appena postato e sempre qui qualcosa sul misterioso film smile

        Oliver

    18. avatar Castàlia scrive:

      Ho avuto un imprevisto. L’istinto mi ha portato verso questi orizzonti. Speriamo bene… Ho pure un problema con il pc, che domani porterò dal tecnico… Una vera seccatura, speriamo che ci capisca e non mi perda qualche dato. Ci vorrebbe un mago… Nell’interregno ne userò uno quasi tascabile … Qualche cosa riuscirò a fare anche se non è lo stesso. Vediamo che succede… Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Se vuoi possiamo rimandare la conversazione a quando il pc sarà a posto,
        in questo modo potremmo anche più facilmente evitare gli yankees che si aggirano dietro le linee smile
        Sai che sto pensando ancora alla canzone dei Tazenda? Bellissima e dire che
        non l’avevo nemmeno mai sentita nominare…

        Oliver

        • avatar Castàlia scrive:

          Non so quando mi verrà cosegnato il pc. Intanto devo prima ricoverarlo. La canzone dei Tazenda è stupenda: poi cantata da Andrea Parodi lo è ancora di più

          Grandissimo uomo, grandissimo artista! Castì cry

          • avatar Oliver scrive:

            Ci sono tante canzoni che parlano o straparlano d’amore ecc., alcune cantate da Elvis erano molto carine “love me tender” ad esempio, ma questa è un’altra cosa…

            Oliver

    19. avatar Castàlia scrive:

      Eh, sì. Questa di Elvis la conosci?

      Castì bye

    20. avatar Castàlia scrive:

      Il sofferente è stato ricoverato, ci vorrà una settimana più o meno. Io ho fatto del mio meglio per spiegare tutto e speriamo che il primario informatico abbia intuito la malattia, faccia una diagnosi esatta e somministri la terapia adeguata. Vedremo… ha interrogato me, che avevo esposto già tutto, invece di visitare il computer. Mah! Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Be’ alcuni di questi “primari” informatici sono in gamba, ne conosco qualcuno, ma più che altro per motivi di lavoro… sinceramente rimpiango l’epoca delle macchine da scrivere smile
        Se vuoi possiamo aggiornare la conversazione a quando ti sarà restituito il
        pc

        Oliver

    21. avatar Oliver scrive:

      Questo è pure bravo, ma è spocchioso. Non tanto lo sopporto

      Credo di aver capito, uno bravo ma che si crede un genio della NASA e così si atteggia laugh

      Grazie per le informazioni, la donna definita Diosa mi fa pensare a Circe o a Calipso

      Oliver

      • avatar Castàlia scrive:

        Hai inquadrato il soggetto. Se non sbagliasse… potrei acccettarlo, è un essere superiore e hi, ma prende certe cantonate… Come ti ho detto, Circe dalle mie parti la raccontò ad Ulisse…Beato Ulisse che ascoltò il racconto! Per la verità a me viene in mente più Nausicaa. smile Castì bye

        • avatar Oliver scrive:

          Nausicaa era una ragazza gentile, la ricordo con piacere smile
          Le altre erano un tantino pericolose, inclusa Calipso… ma che vi è di meglio di una rassicurante Penelope?

          Oliver

          • avatar Castàlia scrive:

            Penelope è un personaggio molto positivo: è una donna in gamba, ha saputo mantenere l’azienda e tenere a bada con genio tutto femminile degli scalmanati… Sul primo canale stanno trasmettendo da Verona “La Traviata”. Musica sublime, Verdi mi piace molto. Castì bye

            • avatar Oliver scrive:

              Concordo su Penelope!
              Per la lirica ci sarebbe voluto il mio vecchio, i suoi orizzonti musicali erano assai meno ristretti dei miei smile
              Ehi Cast, questa sera Ulisse ti vuol lasciar seguire tranquillamente l’opera, su Penelope ecc. ci aggiorneremo poi smile

              Oliver

              • avatar Castàlia scrive:

                No, l’ ho vista tante volte e anche dal vivo. Mi arriva la musica e io riesco a seguirla. In questo momento non mi piace come sta cantando la protagonista…

                Questa canzone mi piace moltissimo

                Castì bye

                • avatar Oliver scrive:

                  Urca… hanno riformato il duo! Forte questa canzone!
                  E qui scatta un piccolo pettegolezzo, solo di recente e per caso ho saputo che Raimondo Vianello era un parente di Edoardo e a proposito di Raimondo Vianello e Sandra Mondaini ricordo un loro fantastico show televisivo degli anni ’70 “Tante scuse”

                  Oliver

    22. avatar Castàlia scrive:

      Ho scoperto la canzone per caso, la trovo molto divertente. Sandra Mondaini e Raimondo Vianello erano fortissimi. Personaggi così… non ne esistono più.Non so se ci fosse parentela tra i due Vianello. Castì bye

    23. avatar Castàlia scrive:

      Anche quella era una bellissima coppia. Il trio è fortissimo. Lo strumento suonato da Fabrizi è lo stesso strumento che suonava un mio prozio… te ne avevo parlato. Ed è presente anche lo strumento musicale napoletano di cui si è detto. Beh! L’ora non è fuggita, ma è arrivata. Il computerino mi ha assecondato, la prova l’abbiamo superata. A domani. Buona notte. Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Sì ricordo, un tuo prozio musicista ed insegnante di musica smile
        eh sì anche stavolta è ora di andare, In the Summertime era bella anche nella versione originale, magari ne riparleremo…

        Buona notte hi
        Oliveraldo (in omaggio a Fabrizi)

    24. avatar Castàlia scrive:

      Oliveraldo

      Forte! laugh Quale sarà la prossima invenzione? Qui un caldo umido che toglie il respiro. Castì bye

    25. avatar Oliver scrive:

      Be’ la stazza più o meno è quella smile Qui sta piovendo a dirotto

      Oliver Fabrizi

    26. avatar Castàlia scrive:

      Oliver Fabrizi

      La risposta è arrivata immediata. Ero in giro su youtube, ma molto distrattamente. Fa troppo caldo. Come stanno andando caccia e pesca? Castì bye

    27. avatar Castàlia scrive:

      Siamo fuori stagione per il mio tipo di pesca, adesso si sta ultimando la lavorazione del pescato

      Per me è arabo. Non capisco. La ballata è molto bella, volevo saperne di più, ma il sito che mi interessava fa i capricci e non mi fa accedere. Castì bye

    28. avatar Oliver scrive:

      Questa pesca non si svolge sui banchi di Terranova, ma sugli sconfinati mari della burocrazia smile
      La versione che preferisco è quella cantata da Nigel Bruce in Destinazione Algeri, purtroppo però nel film si può ascoltare solo parzialmente
      A proposito dei banchi di Terranova
      https://www.youtube.com/watch?v=LHPYnRT61ds

      Captain Oliver

      • avatar Castàlia scrive:

        Preferisco quella di prima, anche se questa non è male. Non solo il caldo, mi sta tormentando pure una zanzara. Il lampionaio ha perso il lavoro… quando uno è cretino… Ma io ho capito quale era il motivo. Castì bye

        • avatar Oliver scrive:

          Il lampionaio? Ti riferisci a quel tale che spegneva le luci?
          Ma il suo lavoro aveva a che fare con l’illuminazione cittadina?

          • avatar Castàlia scrive:

            Esatto! No, non ha a che fare con impianti di illuminazione. Crea il problema perchè pensa che qualcuno lo chiami per vedere se ci capisce. Fa da spalla a chi presume di capirci, sanno qual è il problema creato apposta, lo risolvono per dimostrare che sono bravi e si danno una importanza che non hanno. Ho studiato la situazione che avevo intuito, ho preso le contromisure e ho fatto in modo che gli arrivasse l’antifona. Che vuoi, è un ignorante che indossa penne di pavone. Castì bye

            • avatar Oliver scrive:

              Ah.. ha perso il suo lavoro di “spalla” giusto?
              Tutto ciò mi ricorda un vecchio corso di francese in Tv dove c’era una divertente scenetta, un vetraio itinerante poco prima di giungere in un pittoresco paesino inviava in avanscoperta un monello. Il ragazzo aveva il compito di lanciare qualche sasso alle finestre… successivamente arrivava il vetraio
              gridando: “Vitrier! Vitrier!” In seguito almeno un corso di francese fu tenuto dall’attore Jacques Sernas ma questa è un’altra storia…

    29. avatar Castàlia scrive:

      C’è una partita, che ancora non è finita. Fa troppo caldo… quasi quasi me ne vado sotto un pino. wink Ti metto questi link
      https://www.animamia.net/il-programma-delle-lezioni-di-francese/

      https://www.animamia.net/il-corso-di-lingua-francese-il-francese-per-tutti/

      Vedremo di saperne di più domani. Andrò a fare il solitro giro e poi a casa. Speriamo di vedere qualche film carino come “Vacanze a Capri”, che ho visto oggi pomeriggio. Serena domenica. Buona notte, Castì bye

    30. avatar Castàlia scrive:

      Amici di ritorno da Napoli mi hanno portato le sfogliatelle. Ora se ne sono andati. Castì bye

    31. avatar Castàlia scrive:

      Sì, ottime. Non ne sapevo nulla, mi hanno fatto una improvvisata. Sono stata a Voghera, la conosco. Certo che nè tu nè io abbiamo fatto il viaggio; si sono talmente capovolte le circostanze… ma lasciamo perdere. Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        No, invece sei un asso e hai beccato pure Walter e Connie che non rivedevo dagli anni ’60!! E hai trovato pure una loro canzone!
        Walter e Connie mi piacevano un sacco

        Mr. Gb

    32. avatar Castàlia scrive:

      Mr. Gb Cioè? Forse siamo arrivati a 50…

      Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Stavo pensando ad Emelius Browne smile
        A proposito di corsi c’erano anche quelli del PSSC che venivano proiettati a scuola negli anni ’70. Erano filmati didattici realizzati negli anni ’50 ed io li apprezzavo particolarmente proprio per le atmosfere che evocavano al di là delle spiegazioni scientifiche…

    33. avatar Castàlia scrive:

      Fa caldo… non è un male rinfrescare la memoria:
      Oliver, Oliver Emelius, Olivisse, Olisseo, Capitan Oliver, Capitano Nemoliver, Don Oliverotte, Capitan Ollio, Olivaries, Oliver Bill, Capitano Gregg, Oliver Dundee, O.E.G. Mr. G. , Oliviero Emilio Gildoni, detto Ralfo Malfo, Ammiraglio Gildoni, Houdinoliver, Oliveraz, Burl Olives, Ollie, Oliverì Oliverà, Don Oliverì, Don Oliviero, Olivura Sakè, Don Oliverio, Don Oliverì Baccalà, Olivuro Mifune, Oliviero Baccalà, Sir Oliver d’Arabia, Sir Oliverence d’Arabia, Oliver O’ Toole, Fred Flintstone, Oliver Nigel Watson, Oliver Mac Gildons, Oliveraldo, Captain Oliver, Ulisse, Mr.GB. …. se non ho sbagliato l’addizione sono 38 +Emelius Browne al quale stavi pensando ieri. Bella fantasia! rofl Castì bye

    34. avatar Oliver scrive:

      Ma questa è una cosa che ha dell’incredibile….. perché non credo proprio che tu li abbia annotati di volta in volta e nel contempo andarli a cercare tra tutti gli ormai più che numerosi commenti sarebbe stato tedioso…. forse ho capito, li hai memorizzati di volta in volta, come niente fosse, ti è bastato leggere quei nomi una sola volta per ricordarli, c’e’ persino Ralfo Malfo!
      Forse mi scrivi da un’altra epoca o da un’altra dimensione e se fosse proprio così..

      Mr. Gb

    35. avatar Castàlia scrive:

      Voglio essere sincera: la faccenda è iniziata con Ulisse, Olivisse, Olisseo. Mi ha talmente divertito l’originalità, che in principio li ho memorizzati… poi ho preso un foglio e li ho trascritti di volta in volta fino a ieri sera. Non so se hai esaurito il repertrorio: secondo me no. Per quanto riguarda me: Cast, Casty, Castì, Castàlì, Castaglia di Castiglia. rofl Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Davvero li hai trovati divertenti? Pensavo di essere stato noioso… per i tuoi sono stato originale solo in parte poiché ricordo che mi dicesti che Casty era già stato utilizzato da un altro utente ed anche Cast
        Oliver e i suoi fratelli ovvero i suoi pseudonimi, ma ci sono anche vari personaggi di cui non ti ho mai parlato e forse è meglio così smile

    36. avatar Castàlia scrive:

      Casty era stato attribuito da BBC, che non frequenta il sito da tempo; Cast invece era stato dato da una utente donna e tu lo avevi trovato cinematografico. Effettivamente… A quanto vedo hai un esercito di fratelli. Se vuoi parlare di altri personaggi… dipende da te. Comunque trovo divertenti tutti i tuoi fratelli…Castì bye

    37. avatar Oliver scrive:

      Andrei un po’ fuori tema, ma ne ricordo uno che ha a che fare con la musica…
      si tratta di Ligabove il vero e unico Rocker emiliano (a sentir lui)

      Ligabove

      • avatar Castàlia scrive:

        Sinceramente… non lo conosco. E’ lui?

        Castì bye

        • avatar Oliver scrive:

          Ah ah forte! Questo Ligabove è più fedele all’originale laugh
          L’Oliver-Ligabove è un duro: “Io sono Ligabove il vero rocker emiliano e faccio colazione col lambrusco e il parmigiano”
          “e se poi Vasco dice che il vero rocker emiliano è lui sinceramente io me ne infischio… me ne infischio, me ne infischio, ma se becco il Vasco gli faccio un paiolo così!”

          Oliver

          • avatar Castàlia scrive:

            Quindi non è lui! E chi è? Non conosco l’originale… comunque. Oliver se ti trovi ad una cena, ti viene facile dire due parole per un brindisi? Castì bye

            • avatar Oliver scrive:

              Nooo… davvero pensavi che io fossi quel tizio nel video? Un brindisi… be’ dipende, cerco di evitare di dire due parole ma a volte è capitato, “Signore e Signori ecc. ecc.” ormai partecipo raramente ad eventi mondani e forse è meglio così

              Oliver

              • avatar Castàlia scrive:

                Va bene, riprendiamo domani. L’ora è arrivata. Buona notte, da una terrena non una aliena. Castì bye

                • avatar Oliver scrive:

                  Eh sì, è ora di andare a nanna…
                  Non intendevo aliena, ma una terrena dal futuro o da qualche altra epoca, lo so è una bizzarria senza fondamento… smile

                  Buona notte hi
                  Oliver

    38. avatar Castàlia scrive:

      Non intendevo aliena, ma una terrena dal futuro o da qualche altra epoca, lo so è una bizzarria senza fondamento

      Sono una terrena nata nel secolo scorso, ma per il mio modo di pensare mi inquadro nel secolo precedente. Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Ciò mi fa pensare ad un curioso programma visto in tv una quindicina d’anni fa o forse più. Si trattava di un bizzarro esperimento, una famiglia inglese per qualche mese dovette vivere utilizzando le risorse e le tecnologie della tarda epoca vittoriana…

        Gb

        • avatar Castàlia scrive:

          E’ una idea da applicare a tutti quelli che lagnano e non hanno voglia di lavorare, ma desiderano fare la bella vita senza muovere un dito. Che si arrangino! Hai provato a collegarti ieri sera? Io sì, ma niente da fare. Castì bye

          • avatar Oliver scrive:

            Ricordi anche tu quel programma?
            Sì ho provato ed ho pensato che così almeno avresti fatto qualcosa di meglio che scambiar qualche opinione col vecchio Oliver

            Gb

    39. avatar Castàlia scrive:

      Ricordi anche tu quel programma?

      Sinceramente non ho idea. Non ho fatto niente di speciale. E tu cosa hai fatto?

      ormai partecipo raramente ad eventi mondani e forse è meglio così

      Perchè è meglio così? Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Quel programma potrebbe risalire anche a una ventina di anni fa, era una sorta di documentario forse della BBC.
        Volevo uscire in bici, ma faceva troppo caldo
        Meglio così perché c’e’ un tempo per ogni cosa e per me quel tempo è passato

        Gb

        • avatar Castàlia scrive:

          Sì, è troppo caldo. E per giorno 28 è previsto pure un aumento. Non ne posso più! A me non piace la mondanità, nè fare vita notturna; se fosse per me mi tingerei di invisibile, il fatto è che sono gli altri che vengono a rompere. Castì bye

          • avatar Oliver scrive:

            Già molti anni fa si diffuse la mania del “fare tardi ad ogni costo”, non so se sia ancora così tra i giovani d’oggi ma ne avrei di episodi da raccontare…
            tutto sommato raramente mi sono divertito in quelle occasioni e se c’e’ una vita notturna che ricordo con nostalgia è quella passata nelle gelide notti d’inverno sotto le stelle

            Oliver

            • avatar Castàlia scrive:

              Nella mia città, la gioventù esce tardi e fa vita notturna. Molti vengono anche dai paesi vicini. Succede di tutto e di più. Un vero schifo, ragazzine che hanno un vissuto… Per me e la mia generazione è stato diverso. Mia madre una gendarme, ma io e mia sorella non eravamo ragazze ribelli, la frase era: prima il dovere, poi il piacere. Il piacere era riunirsi in casa propria o di qualche compagna e ascoltare dischi. E se si andava a passeggiare per Corso Mazzini, bisognava rientrare prima che chiudessero i negozi. Castì bye

              • avatar Oliver scrive:

                Il piacere era riunirsi in casa propria o di qualche compagna e ascoltare dischi. E se si andava a passeggiare per Corso Mazzini, bisognava rientrare prima che chiudessero i negozi

                Sembra un’immagine degli anni ’50 o dei ’60 prima della contestazione, peccato non aver conosciuto ragazze come voi

                Oliver

    40. avatar Castàlia scrive:

      Non dimenticare che siamo a Sud, dove certe mode arrivavano dopo. Ti racconto un episodio, di cui rivedo la scena: a me è sempre piaciuto studiare, ero felice in mezzo ai libri. Era una domenica e mi immersi nello studio della filosofia. Era l’ultimo anno, quello degli esami di maturità. Studiai con passione Fichte tutta la giornata, interrompendo solo a pranzo, per riprendere subito dopo e in modo esagerato. Ho sempre appreso subito, ma andavo sempre in profondità. La nonna materna, che abitava con noi e mi adorava, vedendo che studiavo accanitamente mi strappò il libro di filosofia dalle mani dicendomi: “Mò, basta figlia, è da stamattina…”. Io senza scompormi risposi: “Sì, nonna, basta, hai ragione”. Andai in un’altra stanza e presi un libro di narrativa. Rivedo la scena. Castì bye

      • avatar Oliver scrive:

        Be’ sono bei ricordi e mi sto chiedendo quale libro di narrativa ti mettesti a leggere dopo aver studiato Fichte… un’altra piccola coincidenza fa capolino, Filosofia fu una delle materie che portai all’esame, fui interrogato il 26 Luglio, ora gli esami di maturità terminano almeno un paio di settimane prima

        Oliver

        • avatar Castàlia scrive:

          Agli esami fui interrogata sull’idealismo e Fichte in particolare. Un romanzo di Cronin: Gran Canaria. Riprendiamo domani. Forse ci trasferiamo. Poi si vedrà. Buona notte. Castì bye

    41. avatar Oliver scrive:

      Io invece su Gentile, Benedetto Croce e Marx

      Buona notte hi
      Oliver

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *