Dalle profondità della terra catapultati in comiche avventure – Risolto

Da un post recentemente risolto, è venuta fuori una considerazione che consente di risalire ad un altro film datato in modo da segnalarlo, con adeguate info e su una pagina nuova, all’utente/O. E… Si tratta di una coproduzione. In attesa di riscontro da parte dell’utente… se è interessato… Ciao, Castàlia.

↑↑ Fai scoprire MemoCinema ai tuoi amici ↑↑

Questa voce è stata pubblicata in anni 70, avventura, comiche, Film dimenticato, italiano, spagnolo, tedesco, titolo scoperto. Contrassegna il permalink.

RSS dei commenti a questa trama





  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    57 risposte a Dalle profondità della terra catapultati in comiche avventure – Risolto

    1. avatar Oliver scrive:

      Accidenti…. sembra un’avventura al contrario! Questa mi è del tutto nuova smile

      Oliver Emelius

    2. avatar Castàlia scrive:

      Naturalmente! Il titolo che ho dato al post mi è stato suggerito dai tuoi speleologi (dalle profondità della terra) catapultati (l’ho aggiunto io) per legare alle comiche avventure che sono dentro al film “Sotto a chi tocca”, passando dalla Giamaica per via della chitarra. Forse sono stata cervellotica. E quindi siamo finiti in Romagna. Mò vedi tu… dove girare…Ci pensi. Io ti devo sottoporre ancora la frase di Piero Angela… domani se ti va e qui. Intanto non so per quale motivo mi è venuta in mente una battuta di Gary Cooper. Buona notte. Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        Sei stata in gamba come sempre, anzi vulcanica smile
        Spero che poi mi dirai anche della battuta di Gary Cooper, sai che “Il Sergente York” è il mio film preferito?

        Buona notte hi

        Oliver Emelius

      • avatar Oliver scrive:

        passando dalla Giamaica per via della chitarra

        e tornando alla chitarra….. Dove avevo già visto il protagonista di Sotto a chi tocca? Ma sì, in qualche western all’italiana e così cercando qualche informazione su Dean Reed…. eccolo interpretare con tanto di chitarra due classici del Folk americano e devo dire che Mr. Reed se la cavava davvero molto bene:

        https://www.youtube.com/watch?v=GZbe-RUYU54

        Non mi hai segnalato quel film solo per san Leo… sei forte!

        Oliver Emelius

    3. avatar Castàlia scrive:

      Stasera ho fatto tardi… solita telefonata serale consolatoria per la persona (sola di 90 anni, ci sarebbe molto da raccontare…) La musica dell’ultima chitarra mi piace, quel genere rientra nei miei gusti. Ti piace Vinicio Capossela? E l’operetta? Vado a scrivere al Polo su frase di Piero Angela. Poi ritorno qui per Gary Cooper. Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        Mi piace un sacco “Al Cavallino Bianco” smile Quanto a Capossela eh be’… è un autore e musicista notevole, ma vediamo che ha scritto Piero Angela, quindi faccio un salto al Polo

        Oliver

    4. avatar Castàlia scrive:

      Intanto torno a Gary Cooper. Ho visto su youtube lo spezzone di un film e ho pensato: ecco la scena che vado cercando e invece no… Comunque il film è “Vera Cruz”, 1942. La frase che mi ha colpito: Non vi è niente che non si possa ricostruire, pronunciata dal colonnello Benjamin Trane (Gary Cooper)

      Quanto al “Cavallino bianco” è molto nota, piace pure a me… ma ce ne sono altre degne di nota. Di Vinicio, mi piacciono molte canzoni e di lui apprezzo che sta recuperando il rebetiko. Bravo! bravo Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        Vorrei avere la stessa forza morale del colonnello… e invece ormai sono andato
        per Capossela ti riferisci a quella particolare musica balcanica o meglio ellenica? E’ sicuramente interessante smile

        Oliver Emelius

        • avatar Castàlia scrive:

          Certo! Ellenica, ellenica. Certo anche per San Leo… soprattutto. Non c’è operetta che non abbia visto a teatro…. Cincillà, Acqua cheta, Il paese del campanelli, La principessa della czarda, La duchessa del bal tabarin, Scugnizza, ovviamente La vedova Allegra…Purtroppo…Sandro Massimini che aveva rispolverato il genere… Mah! Ognuno ha un destino…Certo che in quanto a girare… la fantasia non ci manca… e ancora…Sapessi dove mi sono proiettata! Angela bye

          Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        E a proposito di musica… ecco un pezzo d’annata, musica greca “contaminata” da musica hawaiana e che non starebbe male in un’operetta:


        che pasticcione, rettifico il link scusa
        Oliver smile

        • avatar Castàlia scrive:

          Avevo lasciato un commento relativo al video non funzionante. Commento sparito, ma video rettificato… Miracolo!!! Meglio così! Allora… pienamente, sicuramente d’accordo… musica adatta per una operetta e non solo…
          Mi hai mandato questo video… Che dire! Un artista vero, chiaramente musica non per il volgo e sicuramente ‘meglio soli che con compagnia non addicevole’. Meglio essere monadi. Sarà d’annata, ma è sempre valida. La musica buona non ha confini geografici o cronologici. E con questo video tu vuoi far credere a me che sei uno strimpellatore? Ma … quando mai! … dicono a Napoli. Io vorrei chiedere a John Doe, che è musicista, se la conoscenza e la scelta di questo video sono opera di uno strimpellatore. Io direi che è opera di intenditore, non di un pasticcione/capoccione come ti sei definito. A volte faccio finta di non capire, di non vedere…in realtà sono una grande osservatrice, e se non fosse così non potrei svolgere in scienza e coscienza il mio lavoro; ho occhio e orecchio esercitati e capisco le sfumature…Oliver! Ho l’ impressione che ti stimi poco…al contrario di tanta gente furba che indossa penne di pavone e voce di cornacchia… E’ vero che chi si loda si imbroda, ma sottostimarsi … mi sembra veramente troppo. Eh, no! E intanto, per strane associazioni, mi sono venuti in mente altri due film… Angela bye

          • avatar Oliver scrive:

            Sei molto gentile, ma io non ho fatto che segnalarti quel video smile Sono davvero uno strimpellatore che ogni tanto si diverte a strimpellare qualche buffa canzonetta estemporanea per dire un po’ come la pensa.
            Ok passiamo ai due film se e quando vuoi..

            Oliver smile

            • avatar Castàlia scrive:

              Sicuro! L’ hai segnalato! L’hai segnalato perchè lo conoscevi, non è stata la fortuna o il caso. E se lo conosci… ti intendi di musica. Angela bye

              • avatar Oliver scrive:

                Seguo solo qualcosa e in gran parte si tratta di artisti che non ci sono più ormai da tempo… ma tornando a Piero Angela e be’ lui è tra l’altro anche un musicista smile
                Su Lex Barker avevi ragione ed io l’ho confuso con Jeff Chandler!

                Oliver

    5. avatar Castàlia scrive:

      Sì, sì… Ora, anche se il sito sembra fare qualche bizza…La musica hawaiana mi fa venire in mente un altro film “L’uccello di/del paradiso (Bird of Paradise)”, 1932, con Dolores del Rio (Altro titolo italiano “Luana la vergine sacra”) o il suo remake del 1951 con Debra Paget. Film ammaliante per la corografia e la musica, in certe scene, tipica di quei luoghi stupendi.

      https://www.memocinema.com/?p=34250


      Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        Veramente bello smile Non ho mai visto nessuna delle due edizioni, qui oltre alla Paget mi sembra di riconoscere Lex Barker che tra l’altro è il Tarzan che preferisco.

        Oliver

        • avatar Castàlia scrive:

          D’accordo su Tarzan, ma l’attore non mi risulta nel cast. Domani il prosieguo. Credo di essermi guadagnata una parainfluenza, che da due giorni mi procura dolori gastrici. Buona notte. Angela bye

          • avatar Oliver scrive:

            Urca… riguardati allora, poi torneremo sui film e se vorrai sulla musica e musica senza confini….
            Buona notte hi

            Oliver Emelius

    6. avatar Castàlia scrive:

      Perfetto! Piero Angela è dei nostri, quindi. Allora…In ossequio a quello che penso della musica, che per me è il linguaggio più elevato e universale creato dall’uomo e non c’è bisogno di conoscere una lingua per captare il messaggio emotivo che un brano trasmette, continuo il tour geo-musical-cinematografico con un film che attraverso la Germania, l’Italia, mi consente di arrivare musicalmente al Giappone. Si tratta di: ”Lilì Marlene”

      https://www.imdb.com/title/tt0042679/

      al quale collego ovviamente la nota canzone che, in primis, mi piace cantata dalla Marlene tedesca

      Poi da Lale Andersen

      E in italiano soltanto da una cantante che pochi conoscono.

      La canzone, scritta nel 1915, musicata nel 1930 e registrata nel 1938, ha ispirato diversi film omonimi, ultimo quello del 1981

      https://it.wikipedia.org/wiki/Lili_Marleen_(film_1980)

      E’ stata tradotta in tutto il mondo…chiaramente. Anche in Giappone. Che meraviglia! Approfitto per mandare un saluto ad un amico che sta nella terra del sole nascente. wink

      Angela bye

      • avatar Oliver scrive:

        Qui se c’e’ qualcuno che se ne intende sei tu smile Bella questa carrellata su Lili Marleen e mai avrei pensato di sentirla in versione nipponica!
        Molto bella anche la versione italiana, chi era la cantante?

        Oliver

        • avatar Castàlia scrive:

          Ho ragione nel dire che la musica non ha confini! La cantante italiana è Meme Bianchi (classe 1907). E’ l’unica versione italiana che mi piace, anche se ce ne sono altre. Io proseguo il tour. Se vuoi girare ancora un pò, vedrai dove ti condurrò. Angela bye

          • avatar Oliver scrive:

            E’ una bella versione e mi è piaciuta anche quella della ragazza giapponese smile In attesa di continuare il tour replico cercando di rimanere in campo cinematografico-musical-guerresco ricordando un bellissimo film di John Ford “Il sole splende alto” ed un famosissimo brano in tema che ho sempre trovato entusiasmante:
            https://www.youtube.com/watch?v=RWOUcmvQt3s

            So che sto andando un po’ fuori tema, mi perdoni?

            Oliver

            • avatar Castàlia scrive:

              Ma che dici! Sinceramente non mi pare che ci sia proprio un fuori tema: campo cinematografico-musical-guerresco… gira, gira, c’è di mezzo il tema bellico oltre che la musica. Quindi…siamo nei binari, non ho niente da perdonare. E’ un bellissimo confronto. Siccome partendo dal Giappone ci dovremo veramente catapultare geograficamente… lo faremo domani… se sei d’accordo. Buona notte. Angela bye

    7. avatar Castàlia scrive:

      Ieri abbiamo lasciato in Giappone la canzone “Lili Marlene”, che è nella Soundtracks di “Mal día para pescar”, 2009, coproduzione Spagna-Uruguay non priva di tour … in un lampo veniamo catapultati in Uruguay ed essendo ormai nei pressi facciamo un salto in Perù (visto?) con una leggenda artistica peruviana, pure nella soundtracks del film citato

      Angela bye

    8. avatar Oliver scrive:

      Stupendo! Che artista e che donna affascinante smile
      A proposito di Sud America, una mia canzonetta parlava di un treno andino che se la prendeva comoda… il treno del Pimande’, ma meglio restare nel campo della musica seria e di qualità per cui… che ne diresti di organizzare tu il Tour?

      Oliver

      • avatar Castàlia scrive:

        Yma Sumac (classe 1922). Io l’adoro… Dicono che la sua voce raggiungesse 5 ottave. Sicuramente ne aveva una in più rispetto a Maria Callas. La tua canzonetta mi sta simpatica. Ho capito che l’autore dell’impresa era un norvegese, comunque il film del 2012 non è mai stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane.

        https://it.wikipedia.org/wiki/Kon-Tiki_(film_2012)

        Comunque la zattera fa venire in mente vari film. Angela bye

        • avatar Oliver scrive:

          Del ’22… sarà scomparsa da tempo, accidenti un’ottava in più rispetto alla Callas!
          peccato che il film sul Kon Tiki non sia stato distribuito in Italia,
          Sì Thor era norvegese e intorno al 1970 realizzò un altro memorabile viaggio attraversando l’atlantico col Ra, era uno tosto.

          La tua canzonetta mi sta simpatica

          Davvero? Ma ti riferisci alla canzonetta sul trenino delle Ande?

          Oliver

          • avatar Castàlia scrive:

            Certo! Non ne conosco altre. Yma Sumac è scomparsa nel
            2008. Su di lei si dicono tante cose, ma io non ci credo. Certo aveva una voce potente ed era tra i cinque migliori artisti del mondo. Angela bye

            • avatar Oliver scrive:

              Certo! Non ne conosco altre

              Ah capisco…. ti riferisci al tema della canzone, il treno che se la prendeva comoda smile

              Su di lei si dicono tante cose, ma io non ci credo

              Qui mi hai davvero incuriosito… si tratta di qualcosa legato ad antiche leggende peruviane?

              Oliver

              • avatar Castàlia scrive:

                No! No! Le leggende non c’entrano; c’entrano le malelingue, presenti in tuttti gli ambienti, animate da invidia e sentimenti di rivalsa. La verità è che quando uno è troppo bravo, stai tranquillo che fanno di tutto per denigrare e distruggere lasciando il segno di Zorro. Va bene, al tour penseremo domani. Rifletti e organizza pure tu. A me il particolare della zattera ha fatto venire in mente due film. A domani. Buona notte. Angela bye

    9. avatar Oliver scrive:

      Eh sì…. poi se vorrai mi dirai dei due film, col tour si potrebbe fare una capatina dall’altra parte dell’Atlantico… per sentire la musica di due ragazzi di tanto tempo fa

      Buona Notte Castàlia e grazie per la conversazione musical-cinematografica hi

      Oliver

      • avatar Castàlia scrive:

        la musica di due ragazzi di tanto tempo fa e perchè no! Poi un’altra scoperta e in seguito i due film legati alla zattera. Angela bye

        • avatar Oliver scrive:

          un’altra scoperta e in seguito i due film legati alla zattera

          Sono curioso di sapere di che si tratta smile

          Nel frattempo eccoci giunti in Kenya per ascoltare
          George Mukabi e il suo amico Jake, una chitarra e una bottiglia di Fanta….
          https://www.youtube.com/watch?v=50sUyeQ2qh0

          Oliver

          • avatar Castàlia scrive:

            Che ti devo dire! L’intelligenza e il talento non hanno nè confini nè colori. Non li conoscevo e suonare la chitarra non è per niente facile. Bravissimi è riduttivo. Meno male che sei uno strimpellatore! Fossi stato un musicista, che avrei apprezzato?

            un’altra scoperta

            Di Yma Sumac, tra l’altro, si dice che nella canzone Chuncho


            abbia cantato la nota più acuta mai prodotta da una voce femminile. Certo che la sua estensione di voce era impressionante! Ti invito ad ascoltare attentamente un’altra canzone… dimmi che noti… intorno a 1:00

            è nel vinile “The Sun Virgin” 1952. Che fenomeno!
            Angela bye

    10. avatar Oliver scrive:

      E’ davvero sorprendente…. sembra che stia scalando le più alte vette Andine (se mi consenti il paragone) e con un’estrema naturalezza e dopo la salita anche la discesa.
      E poi quanta atmosfera smile che mi riporta all’antico Perù ed ai libri di Victor Von Hagen che leggevo da ragazzo!
      Con Yma Sumac mi hai davvero incuriosito e sbirciando di qua e di là ho letto che qualcuno aveva messo in giro la diceria che la cantante fosse canadese…. e che il suo vero nome fosse Amy Camus, era a questo particolare che ti riferivi?

      Oliver

      • avatar Castàlia scrive:

        No, non a questo, dicevano pure altro. Mi riferivo a qualcosa che è dentro la seconda canzone più o meno intorno a 1:00. Non puoi non accorgertene! Lascia stare quello che dicevano! La verità è che aveva una voce incredibile, tanto da superare Erna Sack. Ascolta la canzone e dimmi se te ne sei accorto. Oliver! Ascolta “Karibe Taki”… non andare a cercare … Angela bye

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *