mazzo di tulipani bianchi

E’ un film anni 60 o 70, forse francese, ad episodi e in uno di questi si parla di tradimento: l’ amante dell’ uomo è asiatica e regala all’ uomo sposato un mazzo di tulipani bianchi, che aprendosi tempo dopo a casa sua, fanno cadere dei bigliettini sul tavolo con scritte frasi dell’ amante che svelano il tradimento alla moglie

Questa voce è stata pubblicata in Film dimenticato. Contrassegna il permalink.
RSS dei commenti a questa trama




  • Congratulazioni, la tua trama è su MemoCinema!

    Questo è l'indirizzo che devi controllare per leggere le risposte:

    Ogni giorno vengono aggiunte nuove trame e questo rende difficile ritrovare la propria.
    Non rischiare di perdere la tua trama, salva adesso l'indirizzo.

    Clicca qui e aggiungilo ai preferiti
    Chiudi

    5 risposte a mazzo di tulipani bianchi

    1. avatar Castàlia scrive:

      Il fascino esotico… E’ un film francese: “Non drammatizziamo… è solo questione di corna (Domicile conjugal)”, 1970, diretto da François Truffaut. E’ il quarto film del ciclo Doinel. L’amante si chiama Kyoko.

      Metto trama in italiano

      https://www.cinematografo.it/cinedatabase/film/non-drammatizziamo-solo-questione-di-corna-/22315/

      Ma il particolare dei tulipani si evince dalla trama in francese

      https://fr.wikipedia.org/wiki/Domicile_conjugal

      Castàlia bye

      • avatar Castàlia scrive:

        Metto pure questo. Intorno a 1:05 vedrai la scena del bigliettino e del tulipano… che nel frattempo è diventato quasi rosso per la passione o la vergogna rofl

        Eh, sì… anche i fiori hanno pudore, passione, sensibilità! Castàlia bye

        • avatar Carmen Martella scrive:

          Grazie mille,era una vita che cercavo il nome di questo film…

        • avatar Castàlia scrive:

          Aggiunta preventiva rofl al fine di…

          Per i futuri utenti interessati

          E’ il quarto film del ciclo Doinel.: Doinel è un personaggio inventato da Truffaut e può essere visto come alter ego del cineasta che trasferì al personaggio tutto se stesso e le sue esperienze adolescenziali. Doinel compare la prima volta nel film “I quantrocento colpi” che è il primo della saga, cui seguirono “L’amore a vent’anni con l’episodio Antoine e Colette”, “Baci rubati”, “Non drammatizziamo… è solo questione di corna (Domicile conjugal)”, “L’amore fugge” con cui nel 1979 si conclude la saga veramente carina… ma Truffaut è Truffaut per chi lo apprezza. Così il mio primo commento è corredato di altre info.

          Castàlia bye

          • avatar Castàlia scrive:

            @Carmen Martella: eccome se ci credo che lo cercavi da una vita! Bisogna essere veramente attrezzati, e non solo nella settima arte, per risalire a certi film d’autore. Truffaut… Buona giornata wink Castàlia bye

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *